Il Campiello a Vigevano

Il Campiello a Vigevano: un “gemellaggio culturale” nel segno della letteratura.

E’ stata appena sancita la partnership tra il Premio Campiello, tra i più importanti riconoscimenti destinati alla narrativa italiana, e la Rassegna Letteraria di Vigevano. Ci sarà anche il futuro vincitore del prestigioso premio tra gli ospiti della 19esima kermesse vigevanese prevista per il mese di ottobre in terra ducale

L’accordo, ratificato a fine febbraio dalla giunta comunale, sigla il raggiungimento di uno degli obiettivi della Direzione Artistica della Rassegna presieduta da Ermanno Paccagnini, che si era prefissa quest’anno di ampliare ulteriormente la manifestazione. Tra le idee principali c’era difatti quella di creare eventi come la presentazione, nei giorni del festival letterario ducale, dei vincitori assoluti dei due maggiori Premi letterari italiani: Il Premio Strega e, appunto, il Premio Campiello. L’importante gemellaggio culturale è arrivato al termine di una serie di incontri con il Presidente del Comitato di Gestione del Premio Campiello, che nei giorni scorsi ha inoltrato un Protocollo d’Intesa per organizzare tale incontro di collaborazione con il Comune di Vigevano.

Il format deliberato nell’accordo prevede una “tavola rotonda” con la presenza dell’autore e di un intervistatore, al termine del quale sarà possibile l’acquisto del libro vincitore promosso da una libreria indipendente locale

L’ORGANIZZAZIONE A fronte di una serie di incombenze che l’organizzazione vigevanese dovrà gestire in quanto ente ospitante (individuazione di una sede e di un conduttore per la serata, vitto e alloggio per gli ospiti, promozione sulla stampa locale) lo staff del Campiello metterà sul piatto tutta la potenza di fuoco che una manifestazione tanto prestigiosa può offrire, con la divulgazione dell’evento alla propria mailing list e con la collaborazione fattiva con l’ufficio stampa vigevanese. Tale collaborazione permetterà alla Rassegna Letteraria ducale di accreditarsi presso testate giornalistiche di livello e operatori in ambito culturale, contribuendo a confermare Vigevano come interlocutore e produttore di iniziative culturali di valenza nazionale e, soprattutto, a esportare una manifestazione molto apprezzata (anche dagli addetti ai lavori) ma ancora non sufficientemente conosciuta al pubblico al di là dei confini territoriali. Nell’ambito della rassegna non mancheranno ovviamente i tradizionali appuntamenti: incontri con autori, giornalisti, critici, sul tema dell’anno; tavole rotonde e officine giornalistiche rivolte alle scuole e la premiazione dei tre autori finalisti partecipanti al Premio Letterario nazionale “Lucio Mastronardi Città di Vigevano” e di due personalità di rilievo – nazionale ed internazionale – che si sono distinte nel panorama letterario.

Alessio Facciolo

Le ultime

Gambolò, cultura e colore con le panchine dipinte

Si chiamano panchine culturali e le prime sono state...

Pianzoline: «Tutto per Gesù»

Da cinquant’anni una Comunità pianzolina sosta in preghiera nella...

Letti e piaciuti / “Tre ciotole” di Michela Murgia

Il momento più oscuro della crisi, quello che sembra...

Osservatorio 23-02 / Due anni “con Caino”

Se si era disposti al sacrificio per Kiev, sembra...

Login

spot_img
araldo
araldo
L'Araldo Lomellino da 120 anni racconta la Diocesi di Vigevano e la Lomellina, attraversando la storia di questo territorio al fianco delle persone che lo vivono.