Vigevano, alla scoperta del quartiere Cascame

Alla scoperta di un rione di sindaci e operai. “Il Cascame, storia di una fabbrica e di un quartiere”: è questo il titolo della giornata di riflessione attesa domani, sabato 20 aprile alle 10 e alle 15.30, alla sala cinema-teatro della chiesa di San Giuseppe al Cascame, in viale Libertà 1.

ORGANIZZATORI A organizzare il tutto è il circolo Acli Damiano Verlich di Vigevano, assieme alla parrocchia San Giuseppe, all’istituto comprensivo di viale Libertà e la Società Fotografica Vigevanese, che assieme proporranno una giornata di aneddoti e riflessioni dedicata alla storia del quartiere Cascame, organizzata nell’ambito degli Eventi di Primavera a cura della Rete Cultura Vigevano. L’incontro è stato presentato da Giuseppe Vullo, don Paolo Nagari parroco della parrocchia di San Giuseppe, Giovanna Montagna dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di viale Libertà, Elena Gorini insegnante di lettere e membro del Circolo Acli.

IL PROGRAMMA La giornata di sabato è divisa in due momenti. Alle ore 10.30 l’inaugurazione della mostra di fotografie e disegni (aperta fino al 15 maggio) “Quartiere Cascame Ieri e Oggi” a cura della Società Fotografica Vigevanese e della scuola di viale Libertà. «I disegni sono realizzati dalla classe 3a e 4a della scuola primaria e dalla 1a E della media Robecchi“» ha detto Montagna. Alle ore 15.30 l’incontro pubblico coordinato da Elena Gorini con i relatori don Paolo Nagari, Laura Nizzoli (architetto, insegnante di storia dell’arte), Adriano Ballone, scrittore già docente di storia contemporanea, Filippo Caserio giornalista, autore di libri e ricerche di storia localee Giovanna Montagna dirigente scolastico.

Sarà un dialogo tra i relatori e il pubblico presente – ha detto Vullo – c’è molto da dire sul Cascame, verranno fuori storie curiose e inedite.

La giornata è stata stimolata dalla lettura e rilettura del libro di Gianni Cordone “La Santa”: si possono trovare ancora copie del volume presso la libreria di via XX Settembre.

LA STORIA Anche nel corso della conferenza stampa non si è potuto non rivelare qualcosa di ciò che sarà detto sabato. «Quando venne costruita la linea elettrica da Terdobbiate a Vigevano – ha detto Caserio – il comune di Gravellona per rilasciare le licenze chiese l’assunzione alla Cascami di un gruppo di donne del paese lomellino. E originari del Cascame sono stati i primi due sindaci elettivi del secondo dopoguerra, Attilio Bonomi ed Ernesto Boselli». Il pomeriggio servirà anche per raccogliere idee, perplessità, progetti sul Cascame, un quartiere popolato di persone e attività, adesso ridotte: le persone e, soprattutto, le attività. Per le persone anziane e con fragilità, interessate a partecipare, sarà possibile fruire di un “Trasporto Solidale” telefonando al numero 1520 della Croce Rossa di Vigevano.

Isabella Giardini

Le ultime

Lettera speciale all’Unione europea

«Cara Unione europea, sei una eppure abbracci 27 Paesi,...

“Sacramentine”, fuori dal mondo al servizio del mondo

C’è un cuore che batte tra le vie rumorose...

La vigevanese Sarah Toscano trionfa ad Amici 23

E’ la vigevanese Sarah Toscano la vincitrice della ventitreesima...

L’importanza di lavarsi le mani per fermare i germi

Fermare la diffusione dei germi è possibile semplicemente lavandosi...

Login

spot_img