Le sfide di Papa Francesco per la Quaresima

Un invito a mettersi in cammino alla sequela di Gesù per approfondire e accogliere il suo mistero di salvezza. A rivolgerlo è Papa Francesco nel suo Messaggio per la Quaresima 2023, dal titolo “Ascesi quaresimale, itinerario sinodale” nel quale mette in luce la relazione tra il cammino quaresimale e quello sinodale che come Chiesa siamo impegnati a realizzare, radicati nella tradizione e aperti verso la novità: Non rifugiarsi in una religiosità fatta di eventi straordinari per paura di affrontare le fatiche della realtà”

Artigiani di Sinodalità

È una trasfigurazione, personale ed ecclesiale, la meta del cammino quaresimale, nel quale il Papa esorta a diventare “artigiani di sinodalità” nella vita quotidiana e mette in guardia dal rifugiarsi in “una religiosità fatta di eventi straordinari, di esperienze suggestive, per paura di affrontare la realtà con le sue fatiche quotidiane, le sue durezze e le sue contraddizioni”.

In disparte, su un alto monte

L’ispirazione è data al Papa dall’episodio evangelico della Trasfigurazione sul Monte Tabor. “In questo tempo liturgico il Signore ci prende con sé e ci conduce in disparte. Anche se i nostri impegni ordinari ci chiedono di rimanere nei luoghi di sempre, vivendo un quotidiano spesso ripetitivo e a volte noioso”, scrive il Vescovo di Roma, “in Quaresima siamo invitati a salire su un alto monte insieme a Gesù, per vivere con il Popolo santo di Dio una particolare esperienza di ascesi”.

Come un’escursione in montagna

In questa ascesi, accompagnati dalla Grazia, superiamo le nostre resistenze a seguire Gesù. Per farlo, avverte il Pontefice, “bisogna lasciarsi condurre da Lui in disparte e in alto, distaccandosi dalle mediocrità e dalle vanità”, in un cammino in salita che “richiede sforzo, sacrificio e concentrazione, come un’escursione in montagna”.

Insieme

Gesù porta sul Tabor tre discepoli: “Gesù lo si segue insieme”, rimarca Francesco. Al termine della salita ai tre discepoli è dato di vederlo splendente di luce soprannaturale.
“Come in ogni impegnativa escursione in montagna: salendo bisogna tenere lo sguardo ben fisso al sentiero; ma il panorama che si spalanca alla fine sorprende e ripaga per la sua meraviglia.
Anche il processo sinodale – avverte il Papa – appare spesso arduo e a volte ci potremmo scoraggiare”, ma ci attende qualcosa di meraviglioso che “ci aiuterà a comprendere meglio la volontà di Dio e la nostra missione al servizio del suo Regno”.

Tradizione e novità

Sul Monte Tabor accanto a Gesù appaiono Mosè ed Elia, personificazioni della Legge e dei Profeti.
“La novità di Cristo – spiega il Papa – è compimento dell’Antica Alleanza e ne rivela il senso profondo. Analogamente il percorso sinodale è radicato nella tradizione della Chiesa e al tempo stesso aperto verso la novità. La tradizione è fonte di ispirazione per cercare strade nuove, evitando le opposte tentazioni dell’immobilismo e della sperimentazione improvvisata”.

I due sentieri

Due i sentieri suggeriti da Francesco per “salire insieme a Gesù e con Lui giungere alla meta: ascoltarLo e “affrontare la realtà con le sue fatiche quotidiane, le sue durezze e le sue contraddizioni”. Gesù, spiega il Pontefice, parla nella Parola di Dio offerta dalla Chiesa nella Liturgia e che possiamo leggere anche su internet “se non possiamo partecipare sempre alla Messa”. Ma Gesù parla anche nei più bisognosi, come nei fratelli e sorelle nella Chiesa: l’ascolto reciproco è “stile di una Chiesa sinodale”. Quindi il Papa raccomanda di “non illudersi di essere arrivati nel percorso sinodale quando Dio ci dona alcune esperienze forti di comunione”.
“Scendiamo nella pianura e la grazia sperimentata ci sostenga nell’essere artigiani di sinodalità nella vita ordinaria delle nostre comunità”.

Le ultime

“Sacramentine”, fuori dal mondo al servizio del mondo

C’è un cuore che batte tra le vie rumorose...

La vigevanese Sarah Toscano trionfa ad Amici 23

E’ la vigevanese Sarah Toscano la vincitrice della ventitreesima...

L’importanza di lavarsi le mani per fermare i germi

Fermare la diffusione dei germi è possibile semplicemente lavandosi...

Voto a Sartirana, corsa solitaria di Ghiselli

Una corsa in solitaria a Sartirana per l’attuale sindaco...

Login

spot_img