14 aprile, terza domenica di Pasqua

In questa terza domenica di Pasqua continua l’impegno di Gesù a far comprendere ai discepoli che non avevano a che fare con un fantasma, ma con lui, il crocifisso risorto. Disponibile e misericordioso, Gesù mostra ancora una volta i segni della crocifissione: le mani, i piedi; ma l’incredulità dei discepoli è sempre più forte. Non mi sento di biasimarli, nemmeno Gesù lo fa e proprio per convincerli usa tre mezzi: il primo è il mangiare davanti a loro compiendo così quel gesto che più accomuna le persone. Sappiamo che il mangiare per noi cristiani è il sacramento della comunione con Dio.

L’uomo moderno crede di poter fare da solo, senza l’aiuto di Dio perché pensa che quando tutta va bene sia “merito mio” e quando tutto va male sia colpa di Dio.

Il secondo segno che Gesù usa è il richiamo al compimento delle Scritture attraverso l’espressione «non bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me» cioè che il Cristo patisse e risorgesse dai morti il terzo giorno come è stato scritto su di lui nella legge di Mosè, nei profeti e nei salmi? Anche noi molte volte facciamo fatica a riconoscere il Cristo sofferente e risorto: anche noi poco avvezzi alla Scrittura perché non prendiamo mai in mano né la Bibbia né i salmi non sappiamo accettare la logica di un Dio che si dona e basta. E che dire sempre di noi, osservatori a nostro modo di quanto ci interessa o riusciamo a fare della legge di Mosè (i famosi dieci comandamenti) mettendo in pratica questi strumenti per vivere in pienezza il comandamento dell’amore? Anche noi, come i discepoli, facciamo fatica ad accettare un Dio così: un Dio che passa attraverso la sofferenza, l’umiliazione, un Dio che sceglie il silenzio durante il processo sia nel sinedrio sia davanti a Pilato, un Dio che sulla croce non risponde pur avendo tutte le ragioni per controbattere a tutte le accuse e non scende dalla croce perché l’unico modo per salvarci è compiere le Scritture e passare attraverso il dono di sé. Il terzo segno che chiede il Signore risorto è il predicare a tutti i popoli la conversione ed il perdono dei peccati. Anche Pietro nella prima lettura è capace di rimproverare i suoi contemporanei perché hanno ucciso il Signore: ma il vero modo per riacquistare la fede dei fratelli è iniziare a convertire noi stessi, a cambiare vita, perché, come diceva San Giovanni nella seconda lettura, la gente riconosce il Signore solo se noi osserviamo i suoi comandamenti per non essere bugiardi e così avere in noi la verità.

Se poi riuscissimo anche a gioire perché cristiani, avremmo conquistato anche chi è stanco di credere o chi non partecipa più alle nostre celebrazioni: perché la gioia di chi crede nel Signore risorto è più contagiosa del precetto che ancor oggi vogliamo assolvere. Non siete d’accordo?

don Renato Passoni

Le ultime

Lettera speciale all’Unione europea

«Cara Unione europea, sei una eppure abbracci 27 Paesi,...

“Sacramentine”, fuori dal mondo al servizio del mondo

C’è un cuore che batte tra le vie rumorose...

La vigevanese Sarah Toscano trionfa ad Amici 23

E’ la vigevanese Sarah Toscano la vincitrice della ventitreesima...

L’importanza di lavarsi le mani per fermare i germi

Fermare la diffusione dei germi è possibile semplicemente lavandosi...

Login

spot_img