Continua il ritiro mensile di “Pause”

La sfida per i giovani credere in Gesù Risorto Continua il cammino di “Pause”, la proposta del ritiro mensile per i giovani offerto dalla pastorale giovanile diocesana. Un tempo per sospendere i ritmi della vita quotidiana e per ricalibrarli attraverso l’ascolto della Parola, la preghiera e la condivisione. Sabato 13 aprile presso la casa madre delle suore pianzoline di Mortara è stata l’occasione per i giovani per soffermarsi sul brano evangelico lucano (Lc 24,35-48) che la liturgia della 3ª domenica di Pasqua ci offriva.

ORDINARIA FAMILIARITA’ La meditazione ha invitato i giovani a soffermarsi sulla loro esperienza dell’incontro con il Risorto, partendo dai due discepoli di Emmaus che, dopo l’incontro con Gesù Risorto, tornano dagli undici a Gerusalemme per raccontare la loro esperienza e proprio durante la loro narrazione Gesù si presenta in mezzo a loro. Alcuni spunti sono stati il provare a leggere i gesti di ordinaria familiarità con cui Gesù Risorto accompagna i suoi discepoli nel passaggio dallo sconvolgimento, dalla paura, dal dubbio, alla gioia, allo stupore, al credere. Gesù invita a vedere, toccare, mangiare, spezza per loro la Parola, apre la loro mente. Le sollecitazioni hanno permesso ai giovani nel silenzio della preghiera di andare in profondità per scorgere se nella loro vita Gesù è un fantasma o è il Signore della vita.

FARSI SCONVOLGERE Prima del pranzo insieme, il tempo della condivisione ha messo in luce come lo Spirito Santo illumina i nostri cuori e come la Parola è viva, intercetta e sostiene con molteplici sfumature la vita di ciascuno di noi. Il frutto della preghiera ha messo in luce, attraverso le parole dei giovani, che credere nel Risorto non è immediato, come non lo è “vivere da risorti”, e che a volte è più facile pensare Gesù appeso al legno della croce, fermandosi al venerdì santo, piuttosto che lasciarsi “sconvolgere” dall’annuncio che nessuno al mattino di Pasqua voleva credere. Il prossimo appuntamento è stato fissato per il pomeriggio di domenica 5 maggio per vivere l’esperienza di Giovani e Famiglie in cammino per “creare casa”. Una camminata vocazionale che parte alle 15.30 dalla parrocchia di Ferrera Erbognone e si concluderà a Scaldasole con la preghiera guidato dal nostro Vescovo e con l’apericena.

don Roberto Signorelli

Le ultime

Lettera speciale all’Unione europea

«Cara Unione europea, sei una eppure abbracci 27 Paesi,...

“Sacramentine”, fuori dal mondo al servizio del mondo

C’è un cuore che batte tra le vie rumorose...

La vigevanese Sarah Toscano trionfa ad Amici 23

E’ la vigevanese Sarah Toscano la vincitrice della ventitreesima...

L’importanza di lavarsi le mani per fermare i germi

Fermare la diffusione dei germi è possibile semplicemente lavandosi...

Login

spot_img