12.3 C
Vigevano
giovedì, Novembre 26, 2020
More
    Home Lomellina Gambolò, maggioranza salda. Il sì di Magnani

    Gambolò, maggioranza salda. Il sì di Magnani

    Le trasmigrazioni da maggioranza e minoranza (e viceversa) continuano a Gambolò. Nel corso dell’ultimo consiglio comunale i consiglieri di maggioranza Andrea Franchini e Antonio Scarcella hanno abbandonato gli scranni della maggioranza, per sedersi dall’altra parte dell’emiciclo ma subito dopo Giuseppe Magnani, candidato sindaco della lista di cui faceva parte il consigliere di opposizione Elena Nai, ha elogiato l’amministrazione di Antonio Costantino.«Vedo molti progetti – ha detto – che sono in accordo con quello che avrebbe fatto la mia vecchia amministrazione, ma soprattutto mi sono accorto che questa giunta li sta portando avanti. Anche sui servizi al cittadino si sta facendo un buon lavoro». Come presidente del consiglio Magnani, fin dall’inizio, si considera super partes, ma negli ultimi tempi sembra strizzare l’occhio sempre di più al sindaco leghista Antonio Costantino. Se da un lato l’amministrazione ha acquisito un plauso importante, dall’altro ha perso due consiglieri, uno dei quali è stato anche capogruppo. Dimessosi dal ruolo in polemica già l’anno scorso, Franchini ha sempre ribadito che avrebbe votato a favore dei punti che rientravano nel programma iniziale. Nel corso del penultimo consiglio comunale ha presentato una lettera nella quale si dissociava apertamente dalla maggioranza per entrare nel “gruppo misto”. Ma il suo percorso sembra condurlo sempre più verso un gruppo unitario con Elena Nai, che nel frattempo ha fondato, assieme allo storico militante di destra Pietro Baldi, che ne è presidente, un gruppo di Fratelli D’Italia. Se in consiglio la sfida è ancora a favore di Costantino (8-5 dicono i voti e la maggioranza è salda), fuori invece la battaglia in vista delle prossime elezioni sta cominciando, e a giudicare dalla composizione delle forze in campo fino a questo momento è tutta a destra, cioè tra Lega e Fratelli D’Italia. L’accordo nazionale li vorrebbe insieme al prossimo giro, ma i dissapori del passato e gli ultimi consigli comunali, danno da pensare a tutto il contrario.

    Andrea Ballone

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Ripartenza al rallentatore: le testimonianze

    La gente esce poco. Ha paura ed è confusa. E questo stato d’animo si proietta anche sul comportamento dei consumatori, tutti i consumatori, di...

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    I canali ufficiali

    1,492FansLike
    79FollowersFollow
    - Advertisement -
    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it