12.3 C
Vigevano
lunedì, Giugno 14, 2021
More
    HomeLomellinaLa cuoca che racconta le fiabe

    La cuoca che racconta le fiabe

    Una raccolta di fiabe, ricette, foto e ricordi e ricordi di una Paese lontano. É “Casa Russia”, il libro che Angela Carreras ha appena pubblicato su Amazon. Angela è nata a Mosca da madre russa e padre italiano, e ha vissuto in Lomellina, a Celpenchio e Parona, per molti anni. Amante dei viaggi e della cucina vegana, dal 2018 vive a Edimburgo, dove ha aperto un coffee-bar vegan. «La Baba Jagà che terrorizza con i suoi denti di ferro, – spiega la giovane cuoca italo-russa – la casa che cammina su zampe di gallina, il mitico Kolobok che rotola lungo i sentieri della taiga e dei boschi di betulle: questi e molti altri sono i personaggi che abitano questo libro e che vi accompagneranno, prendendovi per mano, lungo le pagine dei miei ricordi». Angela ha girato il mondo, è stata fotografa in Europa per la Fnac, ma il suo cuore è rimasto all’infanzia trascorsa in Russia, dove sono le sue radici: «Per il governo sovietico, da un lato io ero russa a tutti gli effetti, in quanto figlia di una cittadina russa, mia madre, e nata a Mosca. Dall’altro, siccome abitavo nella casa di un italiano, mio padre, ero soggetta alle medesime restrizioni degli altri stranieri, come il controllo rigoroso delle frequentazioni e degli spostamenti e il dover vivere in una realtà sociale ristretta ai soli altri expat e, nello stesso tempo, godevo da russa dei loro stessi privilegi: vivere in comunità molto protette all’interno di appositi condomini, avere accesso a strutture sanitarie esclusive, poter acquistare merci e prodotti d’importazione riservati agli stranieri in negozi dedicati, poter viaggiare all’estero. In effetti, in Russia era come se fossi straniera nella mia stessa patria, una sorta di Raperonzolo rinchiusa nella casa paterna, collocata in uno dei cosiddetti “palazzi per stranieri”, sorvegliato notte e giorno da poliziotti che registravano a che ora uscivo e rientravo e chi veniva a trovarmi e senza la possibilità di conoscere a fondo il lato russo della mia famiglia. Eppure la Russia è rimasta nella mia memoria un luogo ancestrale legato all’infanzia, alle ninne nanne, ai sapori antichi della fanciullezza, alla mia stessa anima. Ecco perché ho deciso di scrivere questo libro: raccontare, attraverso i miei ricordi, un po’ di quella Russia che ho amato e che amo, e che per molti non russi rimane un Paese oscuro, misterioso, sconosciuto, percepito come luogo chiuso e lontano. E siccome, nel tempo, ho smesso di mangiare prodotti di origine animale, mi sono impegnata a “veganizzare” una serie di ricette tra quelle più amate dalla mia famiglia: queste sono proprio il fil rouge che tiene insieme tutto il libro, presenti nelle fiabe e nei ricordi che compongono l’intimo collage della mia storia. Un libro che è per me un’autobiografia emozionale fatta di scrittura, sapere, ricordi, immagini, colori, gusti e sapori che servono anche al lettore per entrare più in profondità, per essere coinvolto con i sensi. Ecco perché ho deciso di rendere pubbliche anche le vecchie foto di famiglia: per coinvolgere, per sottolineare l’aspetto familiare e affettivo della mia esperienza». L’editing e la copertina del libro sono a cura di Michele Maino, mentre la prefazione è di Evgeny Utkin. “Casa Russia: ricette, fiabe, ricordi” è disponibile in formato kindle e cartaceo su amazon.it, e amazon.com. amazon.co.uk.

    Davide Zardo

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,537FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764