12.3 C
Vigevano
giovedì, Maggio 28, 2020
More
    Home Lomellina La Mortara che vorrei

    La Mortara che vorrei

    La creazione di una consulta con tecnici locali, capaci di confrontare idee e suggerire soluzioni: un contributo sociale utile per l’amministrazione che dovrà approntare a breve il nuovo Piano di Governo del Territorio della città di Mortara. È ciò che chiede l’associazione “La Mortara che vorrei”, nuova veste del Comitato “No ai fanghi in Lomellina”. «Da molti anni – spiegano i volontari dell’associazione – quasi tutte le città hanno ampliato i centri urbani, modificandone radicalmente l’aspetto urbanistico. Crediamo che anche Mortara abbia necessità di un intervento urbanistico per rendere sostenibile la vita urbana. Parliamo anche di due temi a noi molto cari: la limitazione del consumo di suolo e l’incremento delle aree verdi. E’ ormai indifferibile la necessità di un intervento strutturale nelle grandi aree industriali dismesse che ora si trovano in uno stato di abbandono e di pericolo.

    Mortara dall'alto
    Mortara dall’alto

    Pensiamo alla Marzotto, alla Nuova Zarine, alla ex Sacic e ad altri insediamenti minori, alle tante cascine in abbandono fra cui S.Albino, ma anche a Palazzo Lateranense per le sue valenze storiche ed architettoniche e alla necessità di inventare per questi spazi una nuova vita, che potrebbe passare dalla loro bonifica e dalla localizzazione di servizi pubblici, scuole che vadano a completare il plesso scolastico del quartiere, verde urbano, piste ciclabili. Abbiamo in questi mesi a lungo studiato la legge promulgata pochi mesi fa da regione Lombardia (n°18 del 26 novembre 2019) per facilitare e rendere più convenienti gli interventi».

    Il complesso di Sant'Albino
    Il complesso di Sant’Albino

    “La Mortara che vorrei”sostiene anche la Via Francigena, strada storica che passa da Mortara e dalla Lomellina portando ogni anno oltre 800 persone a pernottare nell’ostello di Sant’Albino. «Certo, da due mesi i cammini sono proibiti e l’ostello, ristrutturato nell’anno duemila con i finanziamenti del Giubileo, è chiuso in questo momento difficile. E’ il momento di varare un progetto di rilancio e di valorizzazione. Questo significa promuoverla turisticamente, offrendo servizi, accoglienza, pulizia dei sentieri, posti sosta, informazione, coordinamento con le altre tappe, risistemazione del fontanile in tempi brevi, acquisizione del cascinale a scopi sociali in un progetto più ambizioso, ma ineluttabile. Ricordiamo che il cammino verso Santiago di Compostela ha visto transitare nello scorso anno 347.000 persone. Certo i numeri italiani sono decisamente più bassi, circa 40.000, ma in rapido accrescimento. Accanto alla classica Via che dal Gran San Bernardo e dal Monginevro giunge sino a Roma, negli ultimi anni sono state riscoperte molte altre vie. Esse promuovono una nuova forma di turismo, a piedi ed in bicicletta, lento, riflessivo, più attento agli incontri e alle relazioni, più innamorato dei paesaggi e della natura e con un impatto ambientale pressochè nullo o addirittura positivo. Alcune migliorie sono già state realizzate dai volontari dell’Associazione, ma molto resta da fare per rendere Mortara un luogo attrattivo e ospitale».

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Coronavirus, al Beato Matteo calano i ricoveri

    «La mia impressione è che probabilmente abbiamo raggiunto il picco di contagi». Pietro Gallotti, direttore generale dell’Istituto Clinico Beato Matteo, avanza questa ipotesi perché...

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    I canali ufficiali

    1,336FansLike
    81FollowersFollow
    - Advertisement -
    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it