12.3 C
Vigevano
lunedì, Gennaio 30, 2023
More
    HomeLomellinaMortara, una soluzione per il caos dei passi carrai

    Mortara, una soluzione per il caos dei passi carrai

    Passi carrai il grande pasticcio, ma si stanno cercando soluzioni. E soprattutto non va pagato l’anno 2023, mentre per 2021 e 2022 (da pagare entro gennaio) si sta valutando cosa sarà possibile fare. Il problema è però chiaro; fino ad ora i passi carrai a raso non hanno mai pagato nulla, mentre ora si pagano. E retroattivamente dal 2021. L’inghippo arriva dalla Legge finanziaria 2020 che ha istituito il Canone unico patrimoniale a partire dal 2021 che non è altro che l’unione di precedenti balzelli come Tosap e Cosap (Tassa occupazione suolo e aree pubbliche e passi carrai).

    Era poi il Comune a valutare, nel 2021, esenzioni. E l’amministrazione guidata da Marco Facchinotti non applicò alcuna deroga ed esenzione e quindi, di fatto, aprendo la strada alla tassazione di tutti i passi carrai anche quelli a raso che precedentemente erano esenti.

    LA PROMESSA DI FERRARIS E se ne sono accorti chi ha visto arrivare, nei giorni scorsi, dalla ditta Colombo una lettera con le spiegazioni e i relativi bollettini per il pagamento dei passi carrai a raso per il 2021, 2022, 2023. «Invito tutti i cittadini che hanno ricevuto l’avviso bonario per pagare i passi carrai a raso per il 2021, 2022 e 2023 di non pagare il 2023 – esordisce Renato Ferraris, assessore alle Finanze – purtroppo, al momento esiste l’obbligo per il 2021 e 2022. Non siamo responsabili di questa scelta effettuata nel 2021 dalla sola maggioranza di Marco Facchinotti. Come nuova amministrazione andremo a modificare il regolamento sui passi carrai, reintroducendo l’esenzione per quelli a raso. Per questo renderemo esenti per il 2023 e gli anni successivi quelli a raso. Chi eventualmente avesse già pagato stiamo studiando come effettuare il rimborso».

    ALLA RICERCA DI UNA SOLUZIONE Ma restano da pagare entro fine gennaio il 2021 e 2022. «Per il 2021 e 2022 non possiamo promettere alcun rimborso – spiega l’assessore Renato Ferraris – certamente mi prendo l’impegno di valutare tutte le strade percorribili, l’intenzione è di non pesare sul portafoglio dei cittadini. Stiamo cercando una soluzione. Un’ipotesi potrebbe essere di applicare uno sconto sull’Imu pari a quanto versato per i passi carrai a raso. Ma sono solo ipotesi. La materia è complessa, ma assicuro che stiamo lavorando per trovare una soluzione». Una bella tegola che l’amministrazione precedente ha lasciato in eredità alla nuova maggioranza Gerosa. Se nell’aprile 2021 l’allora maggioranza Facchinotti avesse confermato l’esenzione per i passi carrai a raso, senza mettere le mani nei portafogli dei cittadini e ascoltato le opposizioni, si sarebbe evitato tutto questo problema. Mentre ora si cercano rimedi, uno certo c’è, cioè il ritorno dell’esenzione per dal 2023, mentre per 2021 e 2022 (da pagare entro fine mese) tutto resta incerto.

    Giorgio Giuliani

    POPOLARI

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    I canali ufficiali

    1,741FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764