12.3 C
Vigevano
mercoledì, Agosto 5, 2020
More
    Home Lomellina Parona, libri "sospesi" in dono

    Parona, libri “sospesi” in dono

    In un solo mese, donati 126 libri alla Croce Rossa mortarese per la distribuzione a chi ne ha bisogno. L’iniziativa avviata il 15 giugno scorso (e attiva fino al 31 dicembre) ha coinvolto la libreria da Giunti al Punto, presso il centro Bennet Parona. “Regalaci un libro, regalaci un sorriso” è stato il magnifico slogan che la catena di librerie Giunti ha messo in campo per aiutare chi ha bisogno. Fra le necessità, non c’è solo mangiare, ma anche alimentare la mente e la fantasia. E cosa c’è di meglio in un buon libro per staccarsi da una realtà magari molto dura. Il sistema era molto semplice, simile al famoso “caffè sospeso” in voga a Napoli. Chi acquista un libro, ha la possibilità di donarne un altro, spaziando fra l’ampia scelta presente sugli scaffali della libreria. E l’appello non è certo rimasto inascoltato. Il grande cuore dei lettori ha pulsato ben 126 volte, tanti quanti i libri che sono stati donati. I titoli sono stati i più ampi, spaziando dalle favole, alla storia, ai romanzi. Un catalogo che può soddisfare ogni tipo di lettore e ogni età. Sabato scorso 18 luglio, la consegna ai volontari della Croce Rossa mortarese del primo “carico” di libri. “I libri che abbiamo ricevuto in dono – spiega Tiziana Sansone, consigliere giovane della CRI Mortara – saranno consegnati ad alcuni bambini e agli anziani della Casa di riposo di Parona, il Comune dove ha sede la libreria Giunti del centro Bennet. Altri libri saranno poi consegnati sul territorio, sempre con un occhio particolare a soddisfare le richieste provenienti da persone giovani o fragili”.

    Giorgio Giuliani

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Coronavirus, al Beato Matteo calano i ricoveri

    «La mia impressione è che probabilmente abbiamo raggiunto il picco di contagi». Pietro Gallotti, direttore generale dell’Istituto Clinico Beato Matteo, avanza questa ipotesi perché...

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    I canali ufficiali

    1,417FansLike
    81FollowersFollow
    - Advertisement -
    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it