Ecco come i Comuni di Gambolò, Cassolnovo, Cilavegna e Mede intendono investire i fondi legati alla legge regionale 9 el 2020. Servizi a cura di Andrea Ballone, Davide Zardo

1. Gambolò – una piazza per i giovani

Municipio Gambolò
Municipio Gambolò

La riqualificazione di piazza Bellazzi con la realizzazione di un’area sportivo-ricreativa, e la manutenzione delle strade comunali. Sono i progetti che il Comune di Gambolò realizzerà grazie al finanziamento regionale di 350mila euro. «Piazza Bellazzi veniva usata mezza giornata alla settimana per il mercato – spiega il sindaco Antonio Costantino – e per il resto, soprattutto di notte, diventava oggetto di vandalismi. Il progetto di riqualificazione prevede campi di calcetto, pallavolo e basket, con una recinzione alta per non far uscire la palla, una zona per la corsa tutt’intorno, un percorso di vita, un parco giochi per bambini normodotati e disabili, e un bar. Il posto verrà chiamato “La Pro risorge”, in memoria del vecchio ritrovo per ragazzi che ora hanno 45-50 anni, e che potrà essere un punto di riferimento gratuito per i giovani». Per la “Pro” verranno spesi 160mila euro, mentre l’asfaltatura di diverse strade ne costerà 190.

Dz

2. Cassolnovo – investire su strade e scuola media

Il municipio di Cassolnovo
Il municipio di Cassolnovo

Strade e marciapiedi, ma anche edilizia scolastica. Così saranno spesi i contributi che arriveranno a Cassolnovo «La Regione – spiega il sindaco Luigi Parolo – ci ha dato un contributo per fare dei lavori e degli investimenti. In tutto arriveranno in paese 350mila euro per l’emergenza covid. Abbiamo pensato di utilizzare questi soldi per una serie di investimenti in paese tra cui il completamento del viale Rimembranze con la sistemazione dei marciapiedi, degli alberi e del fondo stradale. Finora è stata completata la prima parte che arriva fino al nido, partendo dal municipio. Inoltre siamo pronti a intervenire per la sostituzione dei serramenti alle scuole medie e per la sistemazione dei vialetti del cimitero, che da tempo richiedono un intervento di manutenzione».

Ab

3. Cilavegna – il cardine è l’avvio del nuovo anno scolastico

Cilavegna
Cilavegna fonte “fotodicilavegna”

I fondi che sono stati stanziati dalla Regione per Cilavegna saranno investiti in prevalenza sull’edilizia scolastica. L’amministrazione comunale ha deciso di terminare i lavori alle scuole e iniziarne di nuovi. «Stiamo definendo le ultime cose – dice il sindaco Giovanna Falzone – e la settimana prossima avremo un quadro più definitivo. La maggior parte dei fondi che sono arrivati consentirà di terminare lavori nelle scuole. Una parte sarà investita per la sistemazione del tetto della primaria e per le medie, ma alcuni fondi andranno anche sull’asilo nido con un intervento di abbattimento delle barriere». Nei prossimi giorni l’amministrazione comunale comunicherà nel dettaglio quali saranno gli interventi e con quale cadenza verranno effettuati.

Ab

4. Mede – lavori a 360°

Il teatro Besostri di Mede
Il teatro Besostri di Mede

A Mede il finanziamento regionale è di 350mila euro, che verranno spesi in investimenti insieme ai 70mila euro del vecchio decreto Salvini, ai 70mila del Governo attuale, e ai 15mila del Miur. 30mila saranno impiegati per sistemare il plesso scolastico: rampa, illuminazione del cortile e della facciata, tetto; 120mila per gli asfalti. Poi la sicurezza dei porticati del cimitero, il magazzino comunale, la copertura del Castello Sangiuliani, sede della biblioteca, alcune parti del teatro Besostri, tabelloni luminosi nuovi, la gestione della casetta dell’acqua, il ripristino della fontana in piazza Repubblica, l’impianto di illuminazione a led, alcuni dossi artificiali per il rallentamento della velocità (di cui uno nella frazione di Goido), arredi urbani col Distretto del commercio. «Sono quasi tutti lavori già progettati e assegnati – spiega il sindaco Giorgio Guardamagna – e partiranno non appena verrà approvato il bilancio, la tera settimana di luglio».

Dz