Stella, da New York: «Mascherine in cambio di un’offerta per Mortara»

0
413

Cuce mascherine antivirus in America, e ai suoi concittadini di Long Island (Stato di New York) chiede in cambio un’offerta per la Croce Rossa di Mortara, dove vivono i nonni materni. É Stella Brecker, 11 anni, studente di prima media, figlia del trombettista Randy Brecker e della sassofonista Ada Rovatti. In questi giorni la ragazzina, con l’aiuto dei genitori, ha pubblicato su Facebook un video sottotitolato in italiano dove racconta la sua storia.

«Frequento la prima media, mi piace il fai da te, l’arte, e suonare il sax – dice Stella – Nelle ultime 4 settimane ho cucito mascherine e a causa del coronavirus non ho potuto uscire con i miei amici o andare a scuola ed è per questo che ho deciso di usare il mio tempo libero per aiutare chi ha bisogno. Ad oggi le mascherine protettive sono utilizzate solo negli ospedali ed è difficile trovarle per noi tutti, quindi se riusciamo a produrle possiamo donarle e tutti possono essere più protetti. Quando diamo queste maschere alle persone ci chiedono sempre quanti soldi vogliamo oppure dove possiamo donare.

Invece di donare a noi i soldi chiediamo a chi può di donare alla Croce Rossa Italiana di Mortara, che è la città dove i miei nonni vivono. Sono anziani con problemi di salute e a Mortara ci sono tantissimi casi di coronavirus. Se potete donare anche 1 dollaro o 2 potete aiutare i dottori ad avere l’attrezzatura necessaria per fermare il coronavirus». Le mascherine realizzate da Stella con l’aiuto della mamma sono composte di 3 strati di tessuto, e hanno una tasca in cui si può aggiungere un filtro o della carta da cucina tipo Scottex. «Usiamo tessuti che abbiamo in casa, – spiega Stella – sono lavabili e riutilizzabili, si devono cambiare solo i filtri. Queste maschere sono gratuite per chi ne ha bisogno nella nostra zona. Grazie per qualsiasi donazione possiate fare. Se mi conoscete e siete della zona mi potete certamente chiedere una mascherina».

Davide Zardo