Mons. Gervasoni: «La fragilità non deve spegnere la speranza»

-

E’ la seconda Pasqua di pandemia che ci troviamo a vivere. Avremmo voluto ripartire, ma ci troviamo ancora a dover combattere nell’incertezza e con tanta rabbia. E’ come quando vai a letto la sera un po’ indolenzito e con dolori vari qua e là. Pensi che una buona dormita metterà a posto tutto. Domattina andrà tutto meglio.

Invece capita che la mattina dopo i dolori ci sono ancora, la notte non è stata granché e sei incattivito nel cominciare una nuova giornata

I vecchi hanno imparato che la regola vera della salute è quella di abituarsi alle proprie cronicità per imparare a vivere bene i rapporti, il lavoro e la pace con se stessi, superando i dolori e le difficoltà, per cercare comunque ciò che riempie il cuore. La fragilità non deve spegnere la speranza e non deve togliere il vigore della vita, fino a quando bisognerà combattere ormai solo contro il male.

La Pasqua ci mostra Gesù che va a Gerusalemme incontro alla passione e alla morte

vescovo veglia pasqua
la veglia di Pasqua del 2020

I testi evangelici dichiarano esplicitamente che Gesù sapeva che cosa lo avrebbe aspettato e che quindi non era illuso di trovare altro. La sua preoccupazione è stata di fare bene tutto fino in fondo, per dare ai suoi una speranza che non temesse sconfitte mai. L’amore di Gesù per gli uomini coincideva con l’obbedienza al Padre fino alla morte, in un atteggiamento di amore grande e di più grande perdono. E così Gesù ha fatto e per noi questo amore è rivelato come amore di Dio stesso.

Guardando alla croce di Gesù morto e sospeso tra cielo e terra ci è dato di contemplare questo amore capace di accompagnarci con speranza e coraggio in ogni momento della vita nostra e degli altri. L’importante è volersi bene con un amore così. Questo riempie il cuore sempre e comunque. Questa deve diventare la vera gioia.

Questo è il mio augurio di Pasqua per tutti gli abitanti di Vigevano, credenti in Cristo, credenti di altre denominazioni religiose o non credenti. A tutti giunga di cuore questo augurio che ha la forza di un annuncio: Gesù è risorto. Veramente. Buona Pasqua!

+ Maurizio, Vescovo

Pubblicità

Per info sulla pubblicità:
Email - araldo@diocesivigevano.it
Telefono 3286736764

POPOLARI