Aspettando settembre 6 / La parola ai dirigenti scolastici

-

Proseguono gli interventi dei dirigenti scolastici in vista di settembre. Cosa si sta facendo per la ripartenza tra i banchi? Come e cosa cambierà rispetto al passato? Cosa dobbiamo aspettarci? Queste le domande poste, per capire come si sta lavorando nelle scuole del territorio. Dopo gli interventi di tutti i dirigenti degli istituti comprensivi di Vigevano e di qualcuno della Lomellina, è il turno, come avevamo presentato all’inizio della nostra inchiesta, dei dirigenti delle scuole superiori. Il primo intervento che ospitiamo in proposito è quello di Gabriella Righi, dirigente dell’Istituto paritario San Giuseppe di Vigevano.

L’istituto paritario San Giuseppe

Sulla base del Piano Scuola 20/21 emanato dal Ministero della Pubblica Istruzione e dei protocolli di sicurezza stiamo organizzando i vari ordini del nostro Istituto (infanzia, primaria, secondaria di primo grado e liceo delle scienze umane) per poter riaprire a settembre assicurando la massima sicurezza possibile ai nostri studenti, al personale e alle famiglie.
In Istituto gli spazi non mancano, ci sono due portinerie, aule ampie con una buona capienza, per cui non dovrebbero esserci problemi particolari  per la ripartenza. Ovviamente saranno indispensabili scaglionamenti in entrata e in uscita, percorsi diversificati, vigilanza continua per assicurare distanziamenti ed evitare assembramenti.
Sarà premura della dirigenza avvisare, prima della riapertura della scuola, tutte le famiglie mediante comunicazioni specifiche per chiarire orari e modalità.

Gabriella Righi
Dirigente Istituto Paritario San Giuseppe Vigevano

Speciale elezioni Vigevano 2020 - comunali e referendum

Pubblicità

Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it

POPOLARI

Addio ad Aldo Pollini

Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

Ripartenza al rallentatore: le testimonianze

La gente esce poco. Ha paura ed è confusa. E questo stato d’animo si proietta anche sul comportamento dei consumatori, tutti i consumatori, di...