Giovani / Lombardia prima, Vigevano diciassettesima in regione

-

Ma qual è il profilo di chi lascia l’Italia? Giovane, mediamente istruito, dal Nord-Ovest o dal Sud, diretto non troppo lontano, ma non per forza verso mete “classiche”. Il 45.6% di chi vive all’estero ha tra i 18 e i 49 anni, nel 2019 il 40.9% ne aveva tra 18 e 34, i laureati e i diplomati sono cresciuti in continuazione. Nel 2006 chi aveva almeno finito le superiori era il 31.6% degli iscritti all’Aire, nel 2018 solo i laureati erano il 29.4%, con un altro 29.5% di diplomati e solo un 41.5% di persone con titolo di studio basso o senza titolo.

PROVENIENZA La Lombardia è la regione con più partenti, 21936 soggetti, seguita da Veneto (15108), Sicilia (12087) e Lazio (9920). Il territorio lombardo tuttavia vede una flessione rispetto all’anno precedente (-3.8%), mentre quelli che sono cresciuti di più sono Veneto (+13.3%), Calabria (+13.6%), Campania (+13.9%) e Molise (+18.1%, a fronte però di 800 migranti).

il confronto tra pavia vigevano e voghera - Pavia
Pavia

IN PROVINCIA Nel territorio sono 33281 gli italiani che vivono all’estero. Di questi il 18.1% è minorenne, il 23.9% ha tra 18 e 34 anni, il 25% tra 35 e 49, il 16.8% tra 50 e 64, gli over65 il 16.2%. Tanti sono quelli che rientrano nell’Aire per nascita – il 39.4% – si tratta cioè di chi è nato sì da genitori pavesi, ma quando questi si erano già trasferiti altrove. Guardando ai comuni, Pavia è il più internazionale, seguito da Voghera e da Vigevano. Il capoluogo è la sesta città lombarda per numero di concittadini che risiedono al di fuori dei confini nazionali, 6845 pari al 9.3% del totale dei pavesi, il centro oltrepadano è a sorpresa quindicesimo in questa classifica, con 2426 persone pari al 6.2% dei vogheresi di cui diversi emigrati di recente,

mentre la città ducale è diciassettesima, con 2311 e il 3.6% dei vigevanesi, un dato che stupisce se si guarda al totale dei residenti, quasi il doppio di quelli di Voghera, e alla storia industriale della ex capitale della calzatura, ma che è meno sorprendente se si guarda allo “splendido isolamento” infrastrutturale e culturale che la caratterizza ormai da decenni.

A Vigevano i cancellati per l’estero sono stati 160 nel 2019 e 173 nel 2018 (-7.5%), in maggioranza uomini, mentre nello stesso periodo i nati sono stati 431, in calo del 7.9% dal 2018, e i morti 726, in diminuzione del 5.6%. A Pavia negli stessi anni sono partite rispettivamente 353 e 419 persone (-15.8%), i fiocchi azzurri 523 (+3%), i decessi 946 (+6.9%). A Voghera 113 e 76 (un significativo +48.7%), con 219 nascite (-18.9%) e 554 deceduti (+9.3%). Di fatto sembra proprio quest’ultimo centro quello più interessato dalla “fuga” verso altri paesi.

PP Giovani in fuga Scandinavia

DESTINAZIONE A beneficiare delle nuove leve che lasciano l’Italia sono soprattutto altri paesi europei, tanto che il 72.9% del flusso migratorio del 2019 si è diretto verso il Vecchio continente. Al primo posto il Regno Unito, che nonostante Brexit ha attratto il 19% del totale, seguito da Germania (14.7%), Francia (10.8%). Facendo un confronto rispetto al 2006, spuntano anche nazioni che avevano una comunità italofona meno numerosa, come Spagna (+242.1%), Malta (+632.8%), Portogallo (+399.4%), Irlanda (+332.1%), Norvegia (+277.9%) e Finlandia (+206.2%).

COMUNITA’ STORICHE Prendendo in considerazione infine non l’età né l’ultimo periodo, ma in generale la dimensione delle comunità italiane all’estero, la più numerosa resta quella argentina (869mila persone), seguita da quelle tedesca (785mila), svizzera (634mila), brasiliana (478mila), francese (434mila), inglese (360mila), statunitense (283mila) e belga (274mila).

Gds

- Advertisement -

Pubblicità

Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it

POPOLARI

Addio ad Aldo Pollini

Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

Ripartenza al rallentatore: le testimonianze

La gente esce poco. Ha paura ed è confusa. E questo stato d’animo si proietta anche sul comportamento dei consumatori, tutti i consumatori, di...