12.3 C
Vigevano
giovedì, Aprile 2, 2020
More
    Home Primo piano I genitori restano: «Vorremmo le stesse opportunità qui»

    I genitori restano: «Vorremmo le stesse opportunità qui»

    Per ogni persona che parte, c’è una famiglia che resta. E che si trova a combattere non solo con tutte le difficoltà di chi ha un figlio o una figlia lontani, ma spesso anche con l’amarezza che, in un’Italia diversa, forse non se ne sarebbe mai andato. Luisa e Fabrizio nell’estate del 2018 hanno visto loro figlio, laureato in Farmacia, partire per gli Stati Uniti, dove grazie a una borsa di studio ha potuto proseguire il proprio lavoro di ricercatore in un ateneo americano. Una scelta che per forza di cose ha cambiato radicalmente la loro quotidianità benché la tecnologia dia una grossa mano: «A causa del fuso orario la notte sto sveglia fino a tardi per messaggiare o fare videochiamate con lui – racconta Luisa – spesso, nel corso della giornata, mi ritrovo a pensare a che alimenti posso spedirgli, per farlo mangiare un po’ meglio. E poi c’è sempre un generale senso di apprensione, visto che si trova in un altro continente, senza alcun tipo di appoggio». Loro figlio non è certo il primo a cercare nuove opportunità oltreoceano: secondo i dati Istat, nel 2018 sono stati 5412 gli italiani trasferitisi negli Usa. Il problema c’è quando le stesse opportunità, nel paese d’origine, non vengono fornite nella maniera adeguata. E infatti, al di là delle comuni preoccupazioni di chi ha un figlio all’estero, c’è però anche la consapevolezza di una scelta fatta per perseguire le proprie ambizioni e realizzazioni professionali: «Ha seguito la sua strada, in maniera autonoma e io lo supporto emotivamente – continua Luisa – là ha trovato maggiore considerazione per quello che fa, il ricercatore, ha il supporto e l’interesse della comunità scientifica e la possibilità di lavorare con persone provenienti da tutto il mondo e con tutti gli strumenti che l’università gli può offrire.

    Sinceramente, avrei preferito che la stessa opportunità l’avesse avuta nel suo paese, visto le energie profuse da noi come famiglia, ma anche dallo stesso Stato, per dargli una formazione

    Su un suo eventuale ritorno, la madre fa buon viso a cattivo gioco: «Da mamma, la speranza è che torni… ma sarebbe giusto che tornasse in un paese dove c’è rispetto per i suoi studi. Là c’è uno stile di vita diverso, ma può senza dubbio lavorare meglio». Un parere su cui il marito Fabrizio non è molto d’accordo: «Secondo me ha il dovere di tornare, e che divulghi alla nazione le cose nuove che ha appreso». Ma a parlare, forse, è il cuore di papà, più che l’orgoglio patriottico:

    Nostro figlio non ha minimamente condiviso con noi la sua scelta, ma l’abbiamo accettata. E, anche se non avrei mai voluto che andasse così lontano, si è rivelata essere buona, anche in prospettiva futura

    - Advertisement -

    I canali ufficiali

    359FansLike
    81FollowersFollow

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it

    POPOLARI

    Basket, campionato di serie B concluso ufficialmente

    La stagione della Nuova Pallacanestro Vigevano 1955 si conclude in maniera definitiva. La Lega Nazionale Pallacanestro nelle ultime ore ha reso noto di aver...

    Coronavirus situazione 02-04, contagiati lombardi crescono meno che in Italia

    notizia in aggiornamento Restano stabili i dati dell'epidemia di coronavirus in Italia, il bollettino della Protezione civile non si discosta dalla tendenza degli ultimi giorni...

    L’Arcivescovo Delpini in visita al nostro Vescovo

    Oggi pomeriggio, giovedì 2 aprile, l’Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini, ha fatto visita privatamente al nostro Vescovo Maurizio, per portare la condivisione e...

    Coronavirus ospedali: «Mancano gli specialisti»

    All’ospedale civile di Vigevano i ricoverati per Covid-19 sono ancora poco più di un centinaio, come la scorsa settimana: 120 in tutto (tra loro...