Povertà / Ceffa: «Mi preoccupa cosa verrà dopo la pandemia»

-

Anche il comune di Vigevano è in prima fila nel contrasto alle difficoltà economiche. «La situazione prima della pandemia non era emergenziale – risponde il sindaco Andrea Ceffa – anche se c’erano tante fragilità che in qualche modo il Comune e il volontariato riuscivano a fronteggiare. Tuttavia negli anni si modificava il profilo e cresceva la quantità delle persone che avevano bisogno. Le numerose domande pervenute per i buoni alimentari lo dimostrano. Si è accentuata la richiesta di cibo e generi di prima necessità, e in questa seconda fase la ricaduta sarà a lungo termine».

Ora si attendono delle ripercussioni? «Quello che maggiormente temo, paradossalmente, non è il momento di adesso, ma il dopo-Covid».

L’onda lunga viene gestita dall’emergenza, da leggi speciali come quella che blocca i licenziamenti, insomma da strumenti straordinari. Quando l’emergenza sarà finita, tutto dovrà tornare a girare come prima: ma non abbiamo idea di come sarà, dopo, la situazione

«Al di là dell’assistenza e della sussistenza, ciò che più mi preoccupa è la ripercussione psicologica. La seconda ondata comporterà il raggiungimento di un picco economico, ma non sottovalutiamo la difficoltà comportamentale, che mostra diverse criticità».

Dz

Pubblicità

Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@diocesivigevano.it

POPOLARI