12.3 C
Vigevano
lunedì, Agosto 8, 2022
More
    HomeLomellinaIl piano della Regione prevede tagli per gli ospedali lomellini

    Il piano della Regione prevede tagli per gli ospedali lomellini

    Nuovi probabili tagli negli ospedali lomellini. A dirlo è un documento della Regione Lombardia, il Poas (piano operativo aziendale strategico) che deve però essere ancora approvato ufficialmente e parla della chiusura del punto di primo soccorso e del laboratorio analisi di Mortara e del reparto di chirurgia dell’ospedale di Mede. Al momento non c’è una data precisa per l’entrata in vigore del piano, forse a fine anno.

    ZERO ANALISI Per quanto riguarda l’ospedale di Mortara la novità principale è la chiusura del laboratorio di analisi, che sarà accorpato a quello dell’ospedale di Vigevano. Resterà comunque attivo il servizio di prelievi di sangue per i cittadini. Nel piano è prevista anche la chiusura del punto di primo soccorso, che era la nuova declinazione del vecchio pronto soccorso quando pochi anni fa era stata decisa la chiusura notturna. A Mortara, così come a Mede, comunque è di stanza un’auto con personale paramedico collegato con la centrale operativa del 118 per emergenze sul territorio.

    L'entrata dell'Asilo Vittoria a Mortara
    L’entrata dell’Asilo Vittoria a Mortara

    STOP OPERAZIONI A Mede invece è destinato alla chiusura definitiva il reparto di chirurgia dell’ospedale San Martino. Il reparto di fatto è stato chiuso con l’inizio dell’emergenza Covid, a fine inverno 2020, e mai più riaperto. «Il direttore generale Marco Paternoster commenterà il Poas solo dopo approvazione regionale, che avverrà nei prossimi mesi – fanno sapere da Asst Pavia – A oggi il Poas non ha ancora terminato il suo iter». I tagli imminenti negli ospedali di Mortara e Mede si inseriscono in un contesto di un futuro rilancio delle due strutture.

    RILANCIO? Infatti nella riforma della sanità varata dall’assessore regionale Letizia Moratti è previsto che sia Mede sia Mortara siano sede di una “casa della comunità” ovvero il primo livello della nuova sanità pubblica lombarda, strutture che offrono prestazioni di tipo ambulatoriale e di cura dei malati cronici, ma anche sedi di “ospedali di comunità”, cioè il secondo livello, con cure più complesse per i pazienti cronici o sub-acuti in dimissione dagli ospedali principali, che resterebbero quelli di Vigevano e Voghera oltre al San Matteo di Pavia. Tra l’altro proprio a Mortara e Mede sono previsti ampliamenti e nuove costruzioni nei prossimi anni per adattare le strutture alla riforma. «La proposta Poas deve essere approvata dalla regione – commenta il sindaco di Mede, Giorgio Guardamagna, che lunedì 20 giugno ha risposto in consiglio comunale a due interpellanze di Simone Annibale Ferraris e Antonella Bertarello – Mede avrà casa di comunità e ospedale di comunità come già detto. Quindi nulla cambia da quando ci hanno dato questa informazione. La mancanza di medici, che è problema nazionale, impone anche qualche chiusura giornaliera di radiologia. Aspettiamo cosa dirà la regione poi si capirà bene il tutto».

    Davide Zardo

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,741FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764