Campari progetta l’atletica del futuro

L’atletica come metodo educativo, come disciplina che si pone l’obiettivo di trasmettere valori educativi. A raccontare la propria esperienza ci pensa vigevanese classe 1958 Oscar Campari, direttore generale dell’Atletica Vigevano. Inizia a correre da giovanissimo e nel 1972 vince la prima edizione del Trofeo Pensa, corsa che vincerà per sette anni consecutivi. Come atleta è un mezzofondista di livello nazionale con un primato personale di 1.52.9 sugli 800m.

LA CARRIERA  Per due volte terzo ai campionati italiani juniores con la Pro Patria Milano, dove ha come compagno Alberto Cova. Secondo ai campionati italiani allievi nella 4 x 800m, difende anche i colori dell’Aereonautica Militare e smette di gareggiare nel 1982. «Ho smesso abbastanza presto di gareggiare perché mi attirava poter allenare i ragazzi, ho avuto la fortuna di allenare molti atleti di livello nazionale. Nel 2000 passo a ruoli dirigenziali e sono stato presidente comitato provinciale del Coni per due mandati, terminati nel 2013, unico vigevanese dopo Dante Merlo. Sono ora componente del Consiglio Nazionale Fidal, la Federazione Italiana di Atletica Leggera». Un’esperienza importante:

Sono al terzo mandato consecutivo, tenete conto che vi sono 2.800 società in Italia e per ben due volte sono stato il primo votato, insomma un bell’attestato di cui vado orgoglioso.

CURRICULUM Campari è poi stato capo delegazione della nazionale italiana di atletica leggera a molte manifestazioni internazionali, come i campionati mondiali indoor in Polonia e Stati Uniti, ai campionati europei a Praga e di campestre in Francia ed altre manifestazioni di livello assoluto. Dal 1994 è Presidente del Pool Vigevano Sport, associazione che conta ben 65 società cittadine. «Come Atletica Vigevano sorta nel 1949 abbiamo da sempre una vocazione al femminile, siamo stati 10 anni in A e lo siamo ancora con le Allieve, in B con la squadra assoluta formata da molte atlete giovani. Abbiamo fatto un accordo con la Cento Torri di Pavia per i maschi, che ai 18 anni vanno verso Pavia e percorso inverso invece per le ragazze. Abbiamo un bel settore giovanile femminile qui a Vigevano».

SACRIFICI Sguardo rivolto al presente: «Attualmente le nostre ragazze stanno facendo dei sacrifici in quanto lo Stadio è inagibile per gli allenamenti, speriamo per Natale di avere pronta la nuova pista, inoltre è già aperto il cantiere verso Via Olivelli per la nuova palestra polivalente, una volta completati tutti i lavori avremo un impianto allo stadio davvero all’avanguardia, in virtù di questo, come Atletica Vigevano, presieduta dal noto giornalista Gianni Merlo, presidente dei Giornalisti sportivi mondiali, abbiamo già in mente diverse iniziative, vedremo come svilupparle».

INIZIATIVE Allo stato attuale l’Atletica Vigevano organizza la Scarpa d’Oro Half Marathon, e qui svolge un ruolo determinante Manuela Merlo, la corsa di Babbo Natale e poi Trofeo Pensa e Trofeo Dante Merlo per le categorie giovanili. Inoltre vi sono dei corsi giovanili per i nuovi iscritti, alla segreteria per questo agisce Stefania Baraldo. Oscar Campari auspica un futuro roseo per l’atletica a Vigevano, con la possibilità di ridare nuova vita al Dante Merlo, lo stadio di Vigevano, che si spera possa diventare un impianto moderno e funzionale adatto ai tempi moderni.

Maurizio Locatelli

Le ultime

Garlasco, coppie di sposi e fidanzati festeggiano san Valentino con la diocesi di Vigevano

Una tradizione da diversi anni fissa l’appuntamento nel sabato...

Conforto, cuore e anima per la pallamano

E’ l’anima e l’allenatore della pallamano Vigevano e ha...

Viaggio ad Assisi, l’esperienza sulle orme di Francesco

Un gruppo di famiglie della diocesi di Vigevano ha...

Viaggio in parrocchia / San Giorgio, una lunga storia ufficializzata nel 1772

La chiesa parrocchiale di San Giorgio è dedicata all’omonimo...

Login

spot_img