A gran richiesta torna “Vigevano per gli scacchi”

Il torneo internazionale “Vigevano per gli scacchi” ritorna. Del resto dopo il grande successo di pubblico e l’elevato numero di partecipanti della passata edizione, non si poteva non pensare ad un’altra.

Si svolgerà da venerdì 2 a domenica 4 giugno. Un grande evento suddiviso in varie manifestazioni, anche se quest’anno non ci sarà la grande scacchiera posizionata in mezzo alla piazza Ducale, non mancheranno eventi e molte attrazioni.

L’EVENTO Ad organizzarla, il comune di Vigevano, con l’Associazione Scacchi di Vigevano, assieme a otto club di service tra Lions e Rotary, la Fondazione di Piacenza e Vigevano. «Sono molto felice di ripresentare questo evento – ha detto l’assessore Daniele Semplici – lo scorso anno ebbe grande successo e adesso la riproponiamo». Ci sono già 110 iscritti alcuni provengono da 11 paesi. Le iscrizioni sono accettate fino alla mattinata del 2 giugno, occorre accedere al sito Vesus.org e lì cercare il link per iscriversi. Luigi Grechi vice presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano ha sottolineato

questo evento è una grande cassa di risonanza per tutto il territorio, la Fondazione di Piacenza e Vigevano contribuisce dando 15mila euro sono certo, visto il successo delle precedenti edizioni che saranno ben utilizzati.

Gianluca Melino presidente dell’Associazione Scacchi di Vigevano ha puntualizzato «voglio sottolineare che l’evento è gratuito, tutti possono venire e vedere di cosa si tratta, abbiamo chiamato a raccolta tutte le Federazioni, alcune invieranno delle delegazioni, avremo i miglior talenti del gioco con gli scacchi. Posso dire che l’Europa si trasferirà a Vigevano in quei giorni, tanti sono i giocatori accompagnati dalle loro famiglie che saranno in città: ci saranno 4 campioni, i ragazzi della Federazione sono stati invitati, abbiamo pensato a tutto, vitto e alloggio. Le gare si terranno presso la Sala Leonardiana, gli eventi collaterali, concerti, presentazione di libri nella Sala dell’Affresco».

CONTRIBUTI Anche i club di service contribuiranno alla riuscita dell’evento «ci concentreremo nell’arte di cucinare – ha detto Beppe Protto presidente del Lions Club Vigevano Ticinum – siamo otto club e dobbiamo cucinare per il pranzo di sabato e domenica: una sfida che ci carica molto». Se già da lunedì di questa settimana erano 110 gli iscritti a dimostrazione di quanto l’evento è atteso e sentito, l’assessore Semplici pensa già ad organizzare qualcosa di più grande. «E’ vero, penso a un evento dal titolo invitante, come “Italiani a Vigevano”, ma per adesso è un’idea, ma non è detto che si trasformi in realtà». 

Isabella Giardini

Le ultime

Le anime di Forza Italia e il divorzio lomellino

Un tempo si diceva: “Moriremo tutti democristiani”, ma in...

Europee / La cultura è indice di vivibilità e qualità della vita dei territori

La cultura non è solo quadri, letteratura, teatro, cinema,...

26 maggio, Domenica di Santissima Trinità

Nella domenica dopo Pentecoste la Chiesa ci fa ancora...

Vigevano, nuova casa di riposo in arrivo in zona Santa Maria

Il nuovo De Rodolfi? Potrebbe sorgere in zona Santa...

Login

spot_img