12.3 C
Vigevano
lunedì, Giugno 14, 2021
More
    HomeDiocesiParrocchia di Cristo Re in festa per la canonizzazione di Cesare De...

    Parrocchia di Cristo Re in festa per la canonizzazione di Cesare De Bus

    Sarà una festa molto particolare quella che la comunità parrocchiale di Cristo Re, nel quartiere Brughiera di Vigevano, celebrerà domenica prossima, 25 aprile, facendo memoria della figura del Beato Cesare de Bus. A soli quarant’anni dalla sua beatificazione, infatti, il sacerdote francese fondatore della Congregazione dei Preti della Dottrina Cristiana (i Dottrinari) sarà canonizzato. Lo ha deciso Papa Francesco il 26 maggio dello scorso anno autorizzando la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto sull’ultimo miracolo richiesto dalla procedura canonica per la chiusura del processo di canonizzazione: significa che, in una data ancora da definire (a causa del Coronavirus) padre Cesare sarà dichiarato Santo. La comunità parrocchiale di Cristo Re celebrerà domenica prossima, con una solenne celebrazione liturgica che si terrà alle ore 10.30, la memoria liturgica (che nel calendario ecclesiastico cade il 15 aprile) del Beato, stringendosi attorno al suo parroco padre Bruno Legnaro e al coadiutore padre Giuseppe Cuffari, entrambi Dottrinari.

    Il momento della beatificazione in Vaticano

    LA BIOGRAFIA DEL SANTO – Il Beato Cesar de Bus è nato a Cavaillon, in Provenza, il 3 febbraio 1544 da una famiglia di origine italiana (Como). All’inizio la storia della sua vita andò in tutt’altra direzione. Il giovane Cesar, infatti, intraprese la carriera militare, prendendo parte anche alle guerre di religione contro gli Ugonotti e venendo ammesso successivamente alla corte del re di Francia, Carlo IX. La sua vita subì una svolta decisiva, però, dopo la morte di un fratello, canonico del capitolo della Cattedrale di Salon-de Provence. Cesar si convertì ad una vita cristianamente diversa e intraprese gli studi di filosofia e teologia. Nel 1582 venne ordinato sacerdote. Fortemente impegnato nel suo ministero, il giovane Cesar diede vita, nel 1592, ad una Congregazione di preti che volle dediti all’insegnamento della Dottrina Cristiana e all’educazione delle nuove generazioni e che Papa Clemente VIII approvò pochi anni più tardi, nel 1597. Morì ad Avignone il 15 aprile 1607 (era il giorno di Pasqua). Il suo corpo è sepolto nella chiesa di Santa Maria in Monticelli a Roma, dove ora risiede il Superiore Generale della Congregazione. In breve tempo la Congregazione della Dottrina Cristiana si diffuse in diversi paesi europei e attualmente è presente anche in paesi dell’estremo oriente e del Sud America.

    La Chiesa di Cristo Re a Vigevano

    I PADRI DOTTRINARI A VIGEVANO – A Vigevano i Padri Dottrinari hanno retto per diversi decenni l’Istituto Negrone, prestando un prezioso servizio educativo per diverse generazioni di ragazzi e giovani di tutta la Lomellina. Agli inizi degli anni Sessanta, al momento della sua fondazione, il vescovo Luigi Barbero affidò loro la cura della parrocchia di Cristo Re, in Brughiera La storia canonica del nuovo Santo iniziò già nel 1615, quando fu aperto il processo informativo, durato cinque anni e conclusosi nel 1620. Le vicende storiche protrassero fino al secolo successivo la fase di studio e di approfondimento del caso. Nella congregazione plenaria che si tenne il 28 marzo 1747 (a cui partecipò lo stesso papa Benedetto XIV nel ruolo di Ponente della Causa) i Cardinali espressero all’unanimità parere favorevole alla ripresa della Causa di Beatificazione e il padre Cesar fu dichiarato Venerabile. La causa ebbe però nuove interruzioni, prima a causa della Rivoluzione Francese e successivamente per gli eventi napoleonici. Fu soltanto nel 1974 che Papa Paolo VI elevò definitivamente agli onori degli altari il fondatore dei Dottrinari, dichiarandolo Beato: la cerimonia di Beatificazione si tenne nella Basilica di San Pietro a Roma il 27 aprile 1975. La decisione di Papa Francesco, ora, fa seguito alla conclusione della fase di studio dell’ultimo miracolo richiesta dalla procedura ecclesiastica di canonizzazione. Il processo è avvenuto a Salerno nel 2016. Si tratta del caso di una giovane colpita da meningite da Acinetobacter Baumannii. Alla gravità della malattia si aggiungeva, in quel caso, il fatto che la ragazza era stata colpita precedentemente da emorragia cerebrale intraparenchimale. Il 17 ottobre la ragazza fu colpita anche da una vasta emorragia cerebrale e il 9 novembre da una meningite batterica che ne compromise il quadro clinico. La comunità dottrinaria di Salerno (nella città campana i Dottrinari reggono la parrocchia di Santa Maria dei Barbuti) affidò la giovane all’intercessione del padre Cesare. Improvvisamente la situazione incominciò a migliorare e il 30 novembre la ragazza fu dimessa dall’ospedale. I medici non hanno saputo spiegare le ragioni di un tale sorprendente ed imprevedibile decorso clinico. Padre Bruno Legnaro e la Comunità della Parrocchia di Cristo Re, celebrando solennemente la ricorrenza liturgica di Padre Cesare De Bus, nella trepidante attesa della solenne Canonizzazione, desiderano indicare questa figura di sacerdote nella attualità della sua testimonianza e della sua spiritualità, soprattutto per annunciare la fede alle giovani generazioni.

    Carlo Ramella

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,537FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764