12.3 C
Vigevano
sabato, Settembre 25, 2021
More
    HomeCultura e tempo liberoVigevano, un successo per "L'Estate in Castello"

    Vigevano, un successo per “L’Estate in Castello”

    “Vigevano Estate in Castello”? Un grande successo. La seguitissima rassegna musicale che ha portato a Vigevano big della musica italiana e dello spettacolo quali Umberto Tozzi, Nek, Francesco Renga, Francesco De Gregori, Giorgio Panariello, Gigi D’Alessio, Gianna Nannini, Fiorella Mannoia, Samuele Bersani, Annalisa, Giusy Ferreri, Antonello Venditti, Marco Masini, Giuseppe Giacobazzi, ha spesso fatto registrare il sold out.

    Ma Silvio Petitto, responsabile dell’agenzia Promoter che assieme all’Amministrazione comunale e alla Friends&Partners ha allestito un cartellone di grande successo, non cambia la sua indole. Silvio non è tipo da facili entusiasmi o proclami allo scopo di “far colpo”. Anche perché, se il presente è positivo, il futuro è ancora immerso nei dubbi. Infatti, «Il bilancio è ancora parziale – spiega al telefono – a martedì mancano ancora due spettacoli e io sono abituato, per indole e carattere, a tirare le somme a rassegna conclusa». Anche se

    Certo non posso non ammettere di essere soddisfatto, abbiamo fatto il tutto esaurito in quasi tutti gli spettacoli, anche per Giuseppe Giacobazzi, che chiude la rassegna, non ci sono più biglietti. Va specificato che non possiamo accogliere più di mille persone, anche se abbiamo in sala 1500 sedie dovute al distanziamento obbligatorio e quindi a volte sembra che la sala non è completamente piena

    «Detto questo – continua – questa estate in molti han cercato di ripartire con il freno tirato: i limiti imposti hanno ridotto il numero delle persone in platea, ma intanto c’è stata ripartenza. Sei spettacoli hanno registrato il soldout nel giro di pochi giorni, i concerti sono stati, tutti, ripeto tutti, di grande qualità, hanno superato l’ora e tre quarti di show. La costante che ho notato è che ciascun artista ha dato di più: evidentemente il periodo di blocco totale ha fatto nascere l’esigenza opposta, quella di voler stare sul palco, ringraziare il pubblico. Ho visto molta gente alzarsi, cantare, ballare sulle note delle canzoni di Venditti e di altri, e ho saputo che c’era parecchia gente che ballava anche in piazza Ducale.

    Ma Petitto elogia anche le altre performance: «Artisti del calibro di Bersani, Ferreri che ha avuto parole speciali per la sua Vigevano, dal momento che vive qui da tempo ed è davvero legata alla città, Fiorella Mannoia e Gianna Nannini indiscusse interpreti, capaci di suscitare emozioni infinite, di giocare con la voce come solo le grandi sanno fare. Anche Annalisa è stata una piacevolissima sorpresa: bella e brava, sono venuti ad ascoltarla in 600, i suoi testi sono semplici ma non banali, per questo piacciono. Panariello ha ringraziato Vigevano su Instagram: un grande “palcoscenico” per la città ducale». E’ stata un’annata difficile ma è bello perché in molti han voluto dare di più.

    E adesso? «Adesso non sappiamo nulla di quello che potremo fare dopo l’estate – spiega Petitto – è logico che noi con l’esibizione di Giuseppe Giacobazzi diamo l’arrivederci al nostro pubblico. Ma non dimentico che il settore degli eventi è ancora “bloccato”, almeno, né io, né chi lavora con me, né il pubblico, sa che cosa accadrà in autunno o in inverno. Cercheremo di capire se con il Green Pass è possibile lavorare in modo più snello. Diciamo che con la stagione estiva abbiamo avuto una boccata di ossigeno: e ora? Per programmare una stagione teatrale ci vuole tempo e questo tempo doveva iniziare a marzo. Non so davvero cosa faremo. L’unico spettacolo che io ho in programma è per il 9 aprile 2022: prima il deserto».

    Isabella Giardini

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,537FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764