Vigevano, trovata la quadra per i concerti

Concerti in estate a Vigevano. Si entra finalmente alle battute finali e, entro la prossima settimana, si saprà tutto. Lo promette il sindaco Andrea Ceffa, che ha concluso le consultazioni con gli operatori del settore.

Quanti artisti si esibiranno nella città ducale e quando? Informazioni che saranno rese note ai cittadini tra qualche giorno. Che estate sarà quindi quella che vivrà la città ducale?

Sicuramente diversa e non ricca come quella del 2021 – premette Ceffa – i concerti presumibilmente saranno tra fine agosto e settembre. Giugno e luglio saranno coperti dagli eventi di Vigevano Estate.

DIFFICOLTÀ Una strada lastricata da ostacoli quella della rassegna estiva dei concerti 2023. L’anno scorso Vigevano si è salvata in corner, quest’anno le cose non sono andate diversamente, viste soprattutto le due gare andate deserte per organizzare la rassegna con concerti annessi nel prezzo. Va detto che le risorse a disposizione dell’amministrazione comunale, come precisato dallo stesso Ceffa, risultino notevolmente limitate. Va anche ricordato che altre realtà limitrofe stanno riscontrando problematiche nell’organizzare grandi eventi di intrattenimento, tra cui le stesse Voghera e Novara. Pavia si è portata a casa dei pezzi forte del calibro di Manuel Agnelli, Alice canta Battiato, Patty Pravo e Marlene Kuntz. Vigevano come risponderà? Dopo un primo bando al quale aveva risposto un unico operatore, rimasto escluso in quanto la documentazione risultava insufficiente, la giunta comunale aveva provveduto a pubblicarne un secondo, da 35mila euro. Una gara riferita al solo 2023, con la richiesta di organizzare un minimo 7 fino ad un massimo di 10 concerti. Anche in questo caso non si era ricevuto alcun riscontro.

Uno degli affollatissimi concerti del passato nel cortile del Castello

SVILUPPI Ecco che si è arrivati alla svolta, passando per la via privata, con la giunta che ha trattato da vicino con 5 operatori e agenzie del settore. «Le cifre sono più o meno queste, quindi 35 mila euro – evidenzia Ceffa – non possiamo distaccarci molto da questi parametri. Per quanto riguarda il programma, appena avremo raggiunto l’accordo definitivo, provvederemo a fornire tutte le informazioni». Una città di 63mila abitanti come può risultare più attrattiva per gli operatori? «Dovrà cambiare l’impostazione che abbiamo avuto fino a questo momento – si auspica Ceffa – proponendo nuovi bandi sviluppati su un periodo di tre anni e con budget maggiori, rispetto a quelli attuali e che possano essere impiegati su più stagioni». Vigevano non rischia quindi di rimanere senza concerti. Saranno pochi se confrontati al pienone di due anni fa. Sebbene, a metà maggio, i grandi artisti abbiano già ben delineate le proprie destinazioni, il sindaco di Vigevano assicura sul fatto che la qualità non mancherà. Le aspettative del pubblico ducale sono alte. Resta lecito chiedersi se verranno soddisfatte.

Edoardo Varese

Le ultime

Dameno pronta per Parigi 

Vedere nello sport una vera opportunità per acquisire maggiore...

Una lapide per mons. Capettini

Nella ricorrenza del 66° anniversario della morte di mons....

Riso Tea: gli ecologisti spiegano la loro contrarietà

Poca partecipazione alla manifestazione promossa a Mezzana Bigli lo...

Lutto nel mondo della marcia: addio a Pastorini, maestro di campioni

Lutto nel mondo dell’atletica italiana e lomellina: nella serata...

Login

spot_img
araldo
araldo
L'Araldo Lomellino da 120 anni racconta la Diocesi di Vigevano e la Lomellina, attraversando la storia di questo territorio al fianco delle persone che lo vivono.