L’Araldo si rinnova – «La sfida della comunicazione»

Dopo la pausa delle ferie estive riprende il cammino della vita lavorativa e inizia il nuovo anno sociale, o, come si dice nelle cose di Chiesa, il nuovo anno pastorale. Anno nuovo, vita nuova. Così si è abituati ad affermare, anche se non succede sempre così. Quest’anno l’Araldo parte in modo nuovo dopo la parentesi estiva. C’è un nuovo Direttore, c’è una revisione dei compiti e c’è un nuovo piano editoriale. I dettagli di questo cambiamento non sono ora e qui così importanti quanto, invece, una condivisione delle strategie di fondo che si vogliono mettere in campo.

Nell’epoca della rivoluzione comunicativa vogliamo provare a fare comunicazione di comunità, a partire dall’esperienza cristiana della comunità. Oggi prevale la comunicazione senza comunità, perché la comunità dell’opinione pubblica nasce dalle interazioni comunicazionali. E’ la rivoluzione dei Social. Tutto è in prima pagina, ma non esistono più le prime pagine: bisogna conquistarsele e durano il tempo di un battito di ciglio. In questo modo l’orientamento della comunicazione, ma, soprattutto, la coscienza comunitaria sono in costante cambiamento e non si basano su nessuna identità morale e culturale stabilita e consolidata con coerenza. Occorre sempre rincorrere l’identità grazie a ricerche di opinione e di mercato e occorre imparare a capire quali sono le regole di consenso che si catturano grazie a strategie comunicazionali per lo più sottese e non condivise.

La comunicazione senza comunità porta inesorabilmente alla moltiplicazione della retorica e alle dinamiche subliminali e perciò occulte. Ciò che viene a mancare è l’elaborazione critica delle informazioni e, soprattutto, l’elaborazione morale che nasce dal dialogo e dal consenso di chi si impegna in modo dichiarato e condiviso. Appunto, manca la comunità morale da cui può nascere la proposta del dialogo, perché si chiacchiera troppo e ci si riferisce a formalità procedurali e più o meno giuridiche.

La comunità cattolica di Vigevano ritiene che sia necessario andare nella direzione di una comunicazione di comunità con gli strumenti e le logiche e i linguaggi della comunicazione contemporanea. Questo modo di fare comunicazione non ha le risorse economiche adeguate, perché non rispondenti alle logiche di mercato e di opinione che sorreggono la pubblicità e il parere dell’audience. Sa, però, di potere contare sia sulla buona volontà della comunità cristiana, che vuole investire nella logica costruttiva e responsabile dell’elaborazione comunitaria della verità di comunicazione, sia sul desiderio di promuovere anche nella comunicazione pubblica la logica sinodale che la anima.

L’intento è fare della comunicazione il luogo dell’elaborazione condivisa dei criteri morali con cui giudicare la vita e la storia al fine di promuovere uno stile di vita leale, amorevole e criticamente attento, per interpretare ciò che lo Spirito suscita nella vita delle persone e delle comunità e trasformarlo in testimonianza coraggiosa e gioiosa di carità.

Per questo scopo, chiaramente missionario e liberante, si può anche rischiare l’utilizzo di risorse economiche, comunque così ben spese.

L’augurio è che questo nuovo stile divenga sempre più prassi critica condivisa ed efficace, incontri la passione degli operatori e la costruttiva collaborazione di tutta la comunità. Con l’augurio, il ringraziamento a chi ha accettato la nuova sfida e a chi, senza tirarsi indietro da nuovi compiti, ha con competenza, perseveranza e intelligenza condotto lo sforzo e la passione editoriale in questi anni.

Vigevano, 4 settembre 2023.

+ Maurizio Gervasoni

Le ultime

“Sacramentine”, fuori dal mondo al servizio del mondo

C’è un cuore che batte tra le vie rumorose...

La vigevanese Sarah Toscano trionfa ad Amici 23

E’ la vigevanese Sarah Toscano la vincitrice della ventitreesima...

L’importanza di lavarsi le mani per fermare i germi

Fermare la diffusione dei germi è possibile semplicemente lavandosi...

Voto a Sartirana, corsa solitaria di Ghiselli

Una corsa in solitaria a Sartirana per l’attuale sindaco...

Login

spot_img