Coronavirus situazione 27-03, è il giorno con più morti

In un solo giorno i morti crescono di 959 unità. Ed è vero che il commissario straordinario Domenico Arcuri, intervenuto per presentare il bollettino quotidiano della Protezione civile, ha precisato che 50 sono da attribuire alla giornata di ieri, ma resta in ogni caso il maggior numero di persone decedute dall’inizio dell’epidemia. Il totale dei decessi è di 9134 (al netto dei 50 da ricondurre a giovedì, +11.2%), mentre i guariti sono 589, per un totale di 10950 (+5.7%), e i nuovi casi sono 4401, cifra che porta i positivi a 66414 (+7.1%); dall’esordio del contagio sono 86498 i soggetti colpiti dal coronavirus Sars-CoV-2. «E’ una pandemia senza precedenti – spiega Arcuri – che colpisce anche i paesi più forti del mondo, che progressivamente stanno adottando le misure che l’Italia ha messo in campo da tempo. C’è bisogno di collaborazione senza egoismi e senza particolarismi; noi, come Italia, stiamo facendo fino in fondo la nostra parte». E per migliorare i risultati sarà impiegato in misura maggiore nella logistica l’esercito: «Da domani – afferma Arcuri – grazie al Ministero della difesa, utilizzeremo non solo i camion per consegnare i dispositivi, ma anche gli elicotteri. Impiegheremo anche il personale militare per aumentare la massa critica, il numero degli uomini che lavorano nei depositi che sono preposti alla distribuzione negli ospedali»

Si lavora anche per aumentare i posti letto in terapia intensiva, giunti a 8984 unità (+68% dal numero iniziale prima che iniziasse il contagio). «Oggi – continua Arcuri – distribuiamo 4.1 milioni di mascherine di cui 2 milioni ffp2 e ffp3, che sono quelle che servono al nostro personale sanitario».

LOMBARDIA Il quadro regionale vede 23895 positivi (+1706, +7.7%), 8001 guariti (+162, +2.1%), 5402 morti (+541, +11.1%); dall’inizio dell’epidemia sono state contagiate 37298 persone. Sono stati eseguiti 95860 tamponi. La giunta lombarda comunica che gli spostamenti dei cittadini sono in calo: «Sono diminuiti ancora – dice Fabrizio Sala, vice presidente regionale – ora siamo al 35 per cento. Questo dato sottolinea ancora una volta il comportamento virtuoso di chi riduce sempre di più i movimenti». Vigevano resta la nona città per numero di contagi in Lombardia, sono 226 quelli registrati a fronte di circa 30 decessi.

MONDO La mappa in tempo reale della Johns Hopkins University porta a 566269 i contagiati nel mondo, 25423 morti e 127768 guariti. Gli Stati Uniti sono diventati ieri il primo paese per numero di casi e contano 92932 positivi e 1246 morti (per questo dato, fonte CDC), in Spagna sono 64059 e 4934, in Germania 49344 e 304, in Iran 32332 e 2378, in Francia 29591 e 1696, in Svizzera 12311 e 207, in Corea del Sud 9332 e 139, nel Regno Unito 14735, tra cui anche il primo ministro Boris Johnson, e 759. Crescono i casi anche in Olanda, giunti a 8641 con 546 decessi.

Gds

Le ultime

Dichiarato fallito il calzaturificio Moreschi

Moreschi è fallita. La storica azienda, che per più...

Infermieristica, iscrizioni ok a Vigevano

L’Ospedale civile di Vigevano può continuare a contare sulla...

Dipendenze / I servizi: quanti sono e come operano in Italia

A chi può rivolgersi chi si trova a sperimentare...

Oscar green ad un giovane risicoltore

Una tecnica antica rivisitata in chiave moderna, con un...

Login

spot_img
araldo
araldo
L'Araldo Lomellino da 120 anni racconta la Diocesi di Vigevano e la Lomellina, attraversando la storia di questo territorio al fianco delle persone che lo vivono.