12.3 C
Vigevano
mercoledì, Settembre 30, 2020
More
    Home Sport Calcio, quanti dubbi sui settori giovanili

    Calcio, quanti dubbi sui settori giovanili

    Se è ormai certo che i campionati agonistici potranno riprendere i battenti, lo stesso non si può dire riguardo ai tornei preagonistici. Tanti i punti interrogativi in sospeso che devono evidentemente essere risolti. In attesa di una comunicazione ufficiale da parte della Federazione che possa in tal senso riportare maggior chiarezza, le varie società del nostro territorio si sono trovate davanti ad un bivio. I dirigenti si sono chiesti se valeva davvero la pena il cominciare ad organizzare la preparazione dei settori più giovani delle proprie squadre.

    A Garlasco il primo uomo Francesco Mercadante e il direttore generale Gaetano Muscatelli hanno optato per una linea politica che tra le tante ha chiuso le porte a tutte le attività di open day. «Non potevamo fare diversamente – chiarisce il direttore generale gialloblù – visto e considerando la situazione che stiamo tuttora attraversando. Il virus non è scomparso, quindi dobbiamo continuare ad essere prudente. Quello che fanno le altre squadre non è materia che ci compete. Noi abbiamo preferito per il momento non esporre i bambini ad ulteriori rischi. Se tra due mesi ci saranno i presupposti, allora concederemo anche a loro la possibilità di tornare ad allenarsi. Dopotutto sono loro il nostro futuro ed è da loro che vogliamo ripartire. Ragion per cui faremo il possibile per aiutare tutte le famiglie nel pagamento delle quote d’iscrizione per i propri figli».

    Traspare invece maggior ottimismo tra i vertici societari del Città di Vigevano, che hanno avuto il loro bel da fare in queste ultime settimane. «Abbiamo organizzato tre giornate aperte indirizzate ai giovani talenti che intendono avventurarsi nel mondo del pallone – spiega il vice presidente ducale Andrea Sala – e in termini di numeri i risultati sono stati più che soddisfacenti. Abbiamo toccato le 150 presenze, una cifra che indubbiamente è motivo d’orgoglio per noi. Vogliamo continuare ad essere il punto di riferimento per tutti gli astri nascenti della zona. Disponiamo di strutture specializzate nel consentire ai nostri tesserati di poter praticare le sessioni agonistiche in condizioni di perfetta sicurezza. Questa settimana sono iniziate le iscrizioni. Se tutto andrà per il verso giusto come spero, ad ottobre anche i più piccoli potranno tornare a divertirsi e ad affrontarsi in sfide dalle mille emozioni. Mai come ora è di fondamentale importanza tornare ad esultare per un gol realizzato dai nostri ragazzi».

    Riuscire a conciliare gli impegni scolastici con quelli sportivi dei piccoli è invece la missione del Gambolò, altra società che nel corso di questi anni ha investito risorse in ambito giovanile. «I gruppi non agonistici riprenderanno a lavorare i primi di settembre – dichiara il ds granata Beppe Sala – naturalmente faremo in modo che non si creino sovrapposizioni con la scuola. Se i protocolli attualmente in vigore dovessero mutare, ci faremo sicuramente trovare pronti. Per il momento non posso fare a meno che ringraziare il nostro staff per l’impegno dimostrato». Guardare al futuro con fiducia. Magari con gli occhi di un bambino che vuole continuare ad inseguire il proprio sogno di diventare professionista.

    Edoardo Varese

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Coronavirus, al Beato Matteo calano i ricoveri

    «La mia impressione è che probabilmente abbiamo raggiunto il picco di contagi». Pietro Gallotti, direttore generale dell’Istituto Clinico Beato Matteo, avanza questa ipotesi perché...

    I canali ufficiali

    1,417FansLike
    81FollowersFollow

    Speciale elezioni Vigevano 2020 - comunali e referendum

    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it