12.3 C
Vigevano
venerdì, Settembre 30, 2022
More
    HomeDiocesiUnità pastorale Santa Maria di Acqualunga

    Unità pastorale Santa Maria di Acqualunga

    Prendendo a prestito l’arguta e sagace espressione di mons. Stefano Cerri, ribadita più volte durante una giornata di formazione del clero del Vicariato di Mede, la Unità Pastorale Santa Maria di Acqualunga, nel territorio del Vicariato di Mede sulla sponda sinistra del grande fiume Po, comprendente otto Parrocchie più l’abazia-parrocchia di Santa Maria di Acqualunga, da cui prende il nome, ha vissuto nei mesi estivi alcuni momenti di vita comunitaria, nella specificità delle singole Comunità ma all’insegna di un cammino verso l’unità.
    Proprio perché Unità Pastorale non vuole dire annullare le singole Comunità Parrocchiali, ecco allora che il mese di agosto è iniziato con un triduo a Castellaro de’Giorgi per la Festa della Madonna della Neve, anticamente venerata come patrona.
    Quindi si sono preparati e vissuti i momenti della festa patronale di Frascarolo, che oltre alla celebrazione in onore della Beata Vergine Maria Assunta ha offerto alcuni tempi all’oratorio, presso il banco di beneficienza per la raccolta di fondi per la gestione ordinaria della Parrocchia.

    Ma anche la Parrocchia di Cambiò ha come Patrona titolare la Beata Vergine Assunta, a motivo della quale si è celebrata la santa messa il giorno 15 mattino, togliendo quella d’orario a Gambarana, che il giorno seguente avrebbe solennizzato il “suo” San Rocco come messa e processione, fuochi d’artificio e grigliata !!
    La memoria di San Rocco tocca diverse Comunità: prima fra tutte quella di Gambarana (vedi sopra), ma anche a Cairo, sul bivio per Cambiò, una cappellina raccoglie ogni anno una trentina di fedeli che si rivolgono con fede al Santo di Montpellier. Mezzana Bigli pure ha una cappellina a lui dedicata, all’ingresso del paese. Torre Beretti, invece, ha addirittura una piccola chiesa nella quale la Comunità si è radunata per la celebrazione della messa lo scorso 16 agosto.
    Poi San Bartolomeo a Suardi ha voluto “la sua candela”, come recita il proverbio: sante messe per la Comunità al mattino e per i defunti la sera, con processione lungo le (poche) vie del paese la sera del 24 agosto. Ma un momento bello e commovente è stato vissuto la domenica 28 mattina,. con la messa presieduta da don Mino Canevari, giù parroco dal 1983 al 1988 a Suardi, per ricordarlo con gratitudine al Signore nel 55° anniversario della sua Ordinazione Presbiterale. La Comunità di Suardi gli si è stretta attorno e, dopo la messa, lo ha trattenuto al pranzo in oratorio !!! Momenti belli nei quali il “vecchio parroco” ha potuto abbracciare non solo i suoi ex ragazzi, ma i figli dei suoi ex ragazzi …
    Tra tutte le celebrazioni delle singole Parrocchie, una eccelle: quella della sera del 15 agosto, quando mons. Maurizio Gervasoni, non solo Vescovo di Vigevano ma anche parroco ed abate di Acqualunga, ha presieduto la celebrazione eucaristica in abbazia, alla presenza di una nutrita rappresentanza di tutte le Parrocchie della Unità Pastorale, e di quattro dei sei sindaci dei Comuni che ne fanno parte !! Un rinfresco al termine era il minimo che si potesse offrire ai presenti, per unire ancora più saldamente i legami che si stanno formando: la corale che ha accompagnato col canto la celebrazione, infatti, era composta da elementi di Pieve del Cairo, Suardi, Frascarolo; il servizio liturgico dei ministranti aveva presenze da Frascarolo, Pieve del Cairo e Gambarana; le pulizie in preparazione sono state curate da volontari di Suardi, Pieve del Cairo e Mezzana Bigli; mentre il rinfresco è stato curato dalle volontarie di Frascarolo.
    All’interno di queste iniziative più legate alle feste dei santi patroni, una non meno importante realtà è stata vissuta a livello di Unità Pastorale: una giornata di formazione per le catechiste ed i catechisti delle diverse Parrocchie, per una rimotivazione al loro servizio per la Comunità, che spesso non è solo quella in cui vivono ma anche accoglie ragazzini e bambini di Parrocchie vicine ma piccole che non riescono ad esprimere figure ministeriali e/o non hanno spazi per poter offrire un degno accompagnamento alla iniziazione cristiana. Una giornata, quella di sabato 27 agosto ad Emarese, presso il Foyer de Charité “La Salera”, che sicuramente apre un cliché che verrà ripetuto in avvenire. Un “Grazie” speciale a Paola Moretti della Parrocchia di Mezzana Corti, membro della equipe diocesana per la formazione dei catechisti, che ha speso il suo tempo per noi!!
    Manifestazioni evidenti che unità non è uniformità !!

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,741FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764