Sono campetti e parchi, i luoghi scelti dai giovani

La piazza e le vie del centro, ma anche i parchi e le aree dedicate alle sport: sono questi i luoghi che, facendo un “tour“ per la città ducale, i giovani vigevanesi dichiarano di frequentare nel loro tempo libero e dei quali lamentano però la scarsità o la poca cura.

MOVIDA Ovviamente, la movida principale avviene di sera nella zona del centro. Così sottolinea anche F.G., 19enne che racconta: «Nonostante io non sia un assiduo frequentatore dei locali, abitando vicino al centro, vedo sempre molto movimento la sera. La maggior parte sono miei coetanei, che si ritrovano per bere qualcosa in compagnia. Le zone più popolate sono sicuramente il mercato coperto e via del popolo, che con il periodo estivo si riempiranno ancora di più». L’estate non porta soltanto uscite con amici, ma anche momenti di recupero delle energie in vista di un nuovo anno scolastico, come afferma la 15enne A.R., che indica come suo luogo ideale le piscine, soprattutto il complesso Santa Maria:

Spesso, durante l’anno, mi ritrovo ad andare a nuotare – esordisce – e durante l’estate mi piace non perdere il ritmo. Per me il nuoto è un qualcosa che libera la mente. Con questo caldo, però, non dirò sicuramente di no ad un pomeriggio di relax in piscina con le mie amiche.

CAMPETTI In un gruppo di ragazzi 14enni, invece, le opinioni sono contrastanti. Alcuni preferiscono unirsi alla movida in piazza Ducale, mentre altri prediligono un giro in periferia con la bici. Tutti, però, sono d’accordo su un aspetto: «Ci piace sfruttare le giornate di sole estive per ritrovarci al Parco degli Alpini, dove c’è un campetto da pallacanestro. Questa è una passione che ci accomuna, ci siamo, infatti, conosciuti proprio grazie alla palla a spicchi. Certe volte – continuano – iniziamo intorno al primo pomeriggio, e finiamo quando si fa buio. Ci piace coinvolgere anche altri ragazzi presenti. Il livello è sempre alto, e ci divertiamo molto. Dispiace soltanto che ci siano solamente un paio di campi pubblici. Spesso mancano retine, i canestri andrebbero aggiustati e il campo sistemato; è un peccato come, in una realtà cestistica come quella di Vigevano, ci siano così pochi campetti». Idea condivisa anche da G.M., 18enne: «Per tutto l’anno ho seguito assiduamente le imprese del Vigevano al PalaElachem. Mi ritrovavo sempre lì con i miei amici, e ora che è finito il campionato vado volentieri a fare due tiri al primo campetto disponibile, cosa che non sempre risulta facile vista la scarsa disponibilità».

NEI PARCHI Lo sport tra i giovani sembra essere molto diffuso nella città, in tutte le sue diverse sfumature: «Il mio luogo preferito è senza dubbio lo skate park – afferma R.D., 13enne con la passione per lo skating – spesso ci vado da solo, ma quando ho l’opportunità di portarci mio fratello maggiore la sfrutto immediatamente. È grazie a lui se mi sono avvicinato a questo sport. Ho avuto modo di conoscere tanti ragazzi lì, e l’ambiente è sempre sano e rispettoso». C’è però anche chi, d’altro canto, preferisce gli ambienti cittadini più tranquilli, come C.S., 17 anni: «Dopo un periodo stressante, mi piace rifugiarmi al parco Parri. Trovo conforto nella natura. Passo interi pomeriggi a leggere libri, disegnare e, occasionalmente, fare qualche foto del paesaggio. Questo è decisamente il mio luogo preferito di tutta la città, anche se mi piacerebbe vedere meno spazzatura in giro».

Edoardo Zanichelli

Le ultime

Dichiarato fallito il calzaturificio Moreschi

Moreschi è fallita. La storica azienda, che per più...

Infermieristica, iscrizioni ok a Vigevano

L’Ospedale civile di Vigevano può continuare a contare sulla...

Dipendenze / I servizi: quanti sono e come operano in Italia

A chi può rivolgersi chi si trova a sperimentare...

Oscar green ad un giovane risicoltore

Una tecnica antica rivisitata in chiave moderna, con un...

Login

spot_img