12.3 C
Vigevano
lunedì, Agosto 10, 2020
More
    Home Cultura e tempo libero A Gambolò una notte al museo

    A Gambolò una notte al museo

    Tuffo speciale nella storia sabato 18 luglio alle ore 21 al Museo archeologico lomellino di Gambolò, con un’apertura serale straordinaria con visita guidata e rinfresco “preistorico”. Si tratta davvero di una visita guidata straordinaria che si concluderà con un “rinfresco preistorico”. Di che si tratta? Gli organizzatori, in proposito, non si sbilanciano e incuriosiscono con un “Lo scoprirete partecipando”, invitando a prenotare la partecipazione al numero telefonico 3498929645. Ovviamente bisogna presentarsi con la mascherina e seguire scrupolosamente le indicazioni di visita che saranno fornite all’ingresso. La specialissima serata avrà un costo di 5 euro. Insomma, un interessante invito a scopri rell’archeologia della Lomellina al museo. Le sezioni sono note, ma vale la pena ricordarle. Preistoria e Protostoria della Lomellina sono illustrate da manufatti del Mesolitico Recente (7500-5500 a.c.), con rilevanti reperti in selce, recuperati a Vigevano, Gambolò e Gravellona. Questi oggetti testimoniano l’inizio della frequentazione del territorio. Seguono manufatti del Neolitico (5500-3300 a.C.), dell’Eneolitico (3300-2300 a.C.), dell’Età del Bronzo (2300-900 a.C.). Si giunge poi alla Prima Età del Ferro (900-396 a.C.), quando la cultura di Golasecca è rappresentata da sepolture a cremazione da Garlasco-Madonna delle Bozzole, e poi alla Seconda Età del Ferro (396-25 a.C.), con corredi funebri di epoca celtica. Questi illustrano la vita e il costume nella II Età del Ferro (periodo celtico), mettendo in evidenza le attività e l’abbigliamento maschili e femminili. Le ricostruzioni di sepolture a cremazione e inumazione rappresentano l’evoluzione nei millenni del rito funebre. Anche l’Età Romana è rappresentata da significativi corredi funebri, in cui spiccano gli oggetti in vetro, abbondanti nelle necropoli lomelline del I secolo d.C., le figurine in terracotta ricavate da matrici (divinità, coniugi abbracciati, figure di animali, ecc.), le applicazioni in terracotta che ornavano i letti funebri che accoglievano il cadavere, le ceramiche fini e le lucerne. Specifici approfondimenti sono dedicati all’abbigliamento e alla toilette femminile. Visitare il Museo Archeologico Lomellino significa fare un tuffo nella preistoria e nella storia antica di questo territorio.

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Coronavirus, al Beato Matteo calano i ricoveri

    «La mia impressione è che probabilmente abbiamo raggiunto il picco di contagi». Pietro Gallotti, direttore generale dell’Istituto Clinico Beato Matteo, avanza questa ipotesi perché...

    I canali ufficiali

    1,417FansLike
    81FollowersFollow
    - Advertisement -
    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it