Manueleria, una casa fatta di arte

Un ricordo di un artista che ha saputo farsi conoscere e apprezzare, grazie ai suoi lavori, lungo il territorio lomellino e non solo.

Domenica 26 novembre, la Manueleria, la magica casa-laboratorio di Manuel Ferraris aprirà le proprie porte a tutti coloro che vogliono tenere vivo il ricordo di un artista che ha saputo inserire nel legno tutta la sua filosofia di vita. Pittore, poeta ma soprattutto scultore, che si è fatto apprezzare e stimare a livello nazionale. L’appuntamento è a Molino Faenza, frazione di Mortara e luogo di nascita di Ferraris. Chi lo desidera avrà modo di leggere alcune poesie scritte dall’artista, così come di vedere alcuni suoi disegni, così come di osservare da vicino alcune sue sculture. Scolpire era diventata una vera e propria necessità per lui. Amava osservare ciò che era intorno a lui, amava rappresentare la natura, i tronchi, senza mai perdere quel pizzico di genuinità che lo ha sempre contraddistinto.

«È un’occasione imperdibile – fa sapere l’associazione culturale il Villaggio di Esteban – Mortara – per conoscere da vicino il sorprendente e magico universo a cui l’inesauribile creatività di Manuel aveva saputo dar vita. Chi passa per la prima volta lungo la Strada delle Frazioni Orientali di Mortara è immancabilmente incuriosito da quella piccola casa ornata di fantasiose decorazioni che si lasciano intravedere tra la vegetazione che avvolge i vecchi muri, ma difficilmente può immaginare i prodigi che essa racchiude, opere straordinarie che finalmente avranno modo di rivelarsi».

Edoardo Varese

Le ultime

Garlasco, coppie di sposi e fidanzati festeggiano san Valentino con la diocesi di Vigevano

Una tradizione da diversi anni fissa l’appuntamento nel sabato...

Conforto, cuore e anima per la pallamano

E’ l’anima e l’allenatore della pallamano Vigevano e ha...

Viaggio ad Assisi, l’esperienza sulle orme di Francesco

Un gruppo di famiglie della diocesi di Vigevano ha...

Viaggio in parrocchia / San Giorgio, una lunga storia ufficializzata nel 1772

La chiesa parrocchiale di San Giorgio è dedicata all’omonimo...

Login

spot_img