12.3 C
Vigevano
lunedì, Aprile 6, 2020
More
    Home Diocesi La scomparsa di Monsignor Rini per il coronavirus

    La scomparsa di Monsignor Rini per il coronavirus

    Si è spento monsignor Vincenzo Rini, direttore per oltre 30 anni del settimanale diocesano “La Vita Cattolica” di Cremona, con una grande passione alla comunicazione, che lo aveva portato a distinguersi e a farsi apprezzare anche nelle istituzioni della Chiesa Nazionale, ricoprendo incarichi importanti come quello di presidente della Agenzia di Stampa Sir e della Fisc, la Federazione italiana dei settimanali cattolici. Ricoverato da alcuni giorni presso l’Ospedale di Cremona a causa del Covid-19, la sua situazione clinica si è rapidamente aggravata ed è venuto a mancare nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 marzo all’età di 75 anni da poco compiuti.
    «Con la sua morte – sottolinea Mauro Ungaro, presidente della Fisc – la nostra federazione perde una delle personalità più significative della sua ultra cinquantennale storia». Il suo mandato alla guida della Fisc è coinciso con l’affermarsi delle nuove tecnologie che hanno portato anche le testate diocesane ad una significativa presenza nel web. «Cerchiamo di essere giornali – diceva mons. Rini – che guardano ma non si fermano all’oggi e compiono ogni sforzo per mettersi all’ascolto della cultura moderna per svelarne i semi della Parola».

    La Direzione e la Redazione dell’Araldo lo ricordano con affetto e porgono ai suoi famigliari le più sentite condoglianze

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Coronavirus, al Beato Matteo calano i ricoveri

    «La mia impressione è che probabilmente abbiamo raggiunto il picco di contagi». Pietro Gallotti, direttore generale dell’Istituto Clinico Beato Matteo, avanza questa ipotesi perché...
    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it