12.3 C
Vigevano
venerdì, Aprile 3, 2020
More
    Home Diocesi Mons. Gervasoni: pensieri di Quaresima 3

    Mons. Gervasoni: pensieri di Quaresima 3

    Oltre 500 persone si sono sintonizzate sulla pagina Facebook del nostro giornale per assistere in diretta streaming alla Santa Messa di domenica 22 marzo celebrata dal Vescovo Maurizio Gervasoni nella cappella del Seminario. Durante la cerimonia il Vescovo ha invocato l’intercessione del Beato Olivelli.

    LA PROVOCAZIONE DEL VANGELO Il vescovo di Vigevano ha affidato la drammatica situazione causata dal coronavirus all’intercessione del Beato Teresio Olivelli. E l’ha fatto nella “Domenica della gioia”, la cui liturgia ricorda l’episodio del cieco nato.
    «Chi è cieco non è in condizione di vedere – ha detto monsignor Maurizio Gervasoni all’inizio della Messa nella cappella del Seminario – E’ un testo di un’intensità unica.

    Noi crediamo di vedere, ma in questa oscurità si manifesta una luce più forte, più vera

    Ci lasciamo provocare, c’è il cammino di conversione di ognuno di noi. Che Dio ci renda capaci di vedere la vita, Gesù».

    LA DOMENICA DELLA GIOIA Poi l’omelia: «Questo è uno degli episodi più significativi del Vangelo di Giovanni, che rivela l’atteggiamento credente e mistico dell’evangelista, affinché impariamo a conoscere il Verbo fatto carne. É una provocazione, una metafora per noi che vediamo, ma c’è bisogno della gioia che la dischiuda. Questa è la domenica della gioia, i paramenti sono rosa, ma non abbiamo molta voglia di ridere, a causa del coronavirus. Tuttavia spero che la prossima settimana ci sia una stabilizzazione». Nemmeno Teresio Olivelli ha vissuto in un’epoca rosea, come ha ricordato il vescovo: «C’era una lacerazione dei rapporti: la guerra, il sistema, il regime. E lui è diventato ribelle per amore, ha aperto gli occhi davanti a una realtà più grande. Lo stesso siamo chiamati a fare noi. La situazione che stiamo vivendo ci costringe a chiudere i negozi, le tapparelle, le porte che ci collegano agli altri. È l’esasperazione di un atteggiamento individualista, siamo costretti ai bisogni essenziali, a dipendere dagli altri. In una situazione di oscurità come questa, il Vangelo del cieco nato ci suggerisce che quando tutto questo finirà, niente dovrà più riprendere come prima. Bisogna avere altri occhi, investire sulle buone relazioni, soprattutto con chi è in difficoltà. Il Signore ci sta facendo capire che il mondo non è al nostro servizio.

    PANDEMIA E CRISI AMBIENTALE Il coronavirus mette in difficoltà il nostro sistema, ma la sua è una cosiddetta vittoria di Pirro: se il virus vince gli uomini muoiono, ma se gli uomini muoiono muore anche il virus, perché non ha più nutrimento. E quello del virus è lo stesso atteggiamento con cui trattiamo il nostro pianeta, è un paragone evidente tra pandemia e crisi ambientale. Non è che l’uomo sta bene quando ha il Pil alto. Sta bene quando ha buone relazioni. È un atteggiamento di servizio e di cura. Ora che comprendiamo che non siamo onnipotenti, chiediamo che il Signore ci aiuti a vedere le cose in un altro modo. Il timore è che quando tutto questo finirà, entro un anno ci dimentichiamo tutto. Sarebbe una tragedia, oltre che un atto grave. Gesù ha avuto coraggio a guarire il cieco nel giorno di sabato, l’ha esposto al rischio di una persecuzione, e lui stesso è andato incontro alla propria condanna. Ma è il prezzo da pagare. L’esempio di Teresio Olivelli ci aiuta a capire che il suo sguardo era trasfigurato: il lager per lui non era semplice sopravvivenza, ma occasione di carità e speranza. Anziché tenersi stretto la propria sopravvivenza ha deciso di dare la vita per gli altri. Affido alla sua intercessione la nostra situazione, per avere luce e guida per aprire gli occhi, come ci suggerisce il Vangelo».

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    - Advertisement -

    I canali ufficiali

    359FansLike
    81FollowersFollow

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it

    POPOLARI

    L’Osservatorio 03-04 / Quella “distanza” da convertire

    Una delle parole che maggiormente vengono usate in questi tempi di cv19 è “distanza”. Ci vuole la distanza di sicurezza, distanti per strada, distanti...

    Basket, campionato di serie B concluso ufficialmente

    La stagione della Nuova Pallacanestro Vigevano 1955 si conclude in maniera definitiva. La Lega Nazionale Pallacanestro nelle ultime ore ha reso noto di aver...

    Coronavirus situazione 02-04, contagiati lombardi crescono meno che in Italia

    notizia in aggiornamento Restano stabili i dati dell'epidemia di coronavirus in Italia, il bollettino della Protezione civile non si discosta dalla tendenza degli ultimi giorni...

    L’Arcivescovo Delpini in visita al nostro Vescovo

    Oggi pomeriggio, giovedì 2 aprile, l’Arcivescovo di Milano, Mons. Mario Delpini, ha fatto visita privatamente al nostro Vescovo Maurizio, per portare la condivisione e...