Lavori confermati all’Ospedale Civile di Vigevano

Confermati gli interventi di potenziamento dell’area emergenza-urgenza dell’Ospedale civile di Vigevano. Una notizia più che positiva, visti i recenti tagli del governo ai fondi richiesti da Asst Pavia, questi ultimi destinati ai nosocomi della Provincia. Un budget a cui sono stati tagliati 3 milioni di euro, una cifra senza cui, per ora, non vedranno la luce i lavori di potenziamento della terapia intensiva vogherese.

TERAPIA INTENSIVA Vigevano porta a casa quindi una serie di interventi che sono parte del piano di riordino della rete ospedaliera, relativi all’ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero. Lavori da terminare entro il 2026 e che sono divisi in tre gruppi di intervento specifici. «Per quanto riguardo il modulo di terapia intensiva – fa sapere Asst Pavia – l’intervento è finalizzato alla realizzazione di un nuovo reparto, composto da dieci posti letto. Allo stato attuale si è conclusa la fase di progettazione ed è iniziata la fase di affidamento dei lavori, volti all’avvio dell’esecuzione delle opere».

PRONTO SOCCORSO Ancora in corso invece la fase di progettazione esecutiva per il secondo gruppo di interventi ovvero quelli relativi alla realizzazione di una nuova struttura in area contigua al Dea esistente.

In questo secondo caso il progetto prevede la realizzazione di un nuovo volume in ampliamento al Pronto soccorso dell’Ospedale – continua Asst Pavia – È previsto un piano fuori terra, collocato in aderenza al Ps esistente in area attualmente non edificata.

Un intervento, quest’ultimo, la cui realizzazione prevede uno spazio principale volto all’osservazione di pazienti potenzialmente infetti da virus trasmissibili per via aerea, con supporto di locali di servizio come servizi igienici e sala controllo. «Anche dal punto di vista architettonico ed estetico ci sarà un dialogo tra nuovo e già esistente – spiegano dall’azienda – la morfologia del nuovo volume dialoga con il corpo di fabbrica al quale si affianca, riprendendone materiali e colori».

PERCORSI DISTINTI Sempre in riferimento all’area del pronto soccorso l’ultimo intervento riguarda la costruzione di «un volume compatto, in area attualmente non edificata e ora adibita a parcheggio, collocato in posizione strategica per la regolazione e controllo dei flussi in ingresso e uscita nell’area ospedaliera». Una struttura il cui scopo, in caso di emergenza sanitaria, è quello di differenziare i percorsi in entrata e uscita, al fine di minimizzare le possibilità di trasmissione dei virus. «Il layout interno prevede la presenza di uno spazio principale adibito a sala visita e la realizzazione di locali di servizio – spiega Asst Pavia – Un progetto con funzioni versatili, secondo le logiche di distanziamento da attuarsi in caso di pandemia». Tre gruppi di interventi per l’ospedale ducale il cui costo totale ammonta a 5319765.12 euro.

Rossana Zorzato

Le ultime

Dichiarato fallito il calzaturificio Moreschi

Moreschi è fallita. La storica azienda, che per più...

Infermieristica, iscrizioni ok a Vigevano

L’Ospedale civile di Vigevano può continuare a contare sulla...

Dipendenze / I servizi: quanti sono e come operano in Italia

A chi può rivolgersi chi si trova a sperimentare...

Oscar green ad un giovane risicoltore

Una tecnica antica rivisitata in chiave moderna, con un...

Login

spot_img
araldo
araldo
L'Araldo Lomellino da 120 anni racconta la Diocesi di Vigevano e la Lomellina, attraversando la storia di questo territorio al fianco delle persone che lo vivono.