Voto a Sartirana, corsa solitaria di Ghiselli

Una corsa in solitaria a Sartirana per l’attuale sindaco Pietro Ghiselli. A ridurre a zero le possibilità che ci possano essere sorprese dell’ultimo minuto è l’ufficialità data, nella mattina di lunedi, dal sorteggio delle liste. La campagna elettorale, quindi, è ufficialmente iniziata e di un qualche sfidante neanche l’ombra. Agli occhi dei meno attenti il fatto che in corsa ci sia una sola lista potrebbe significare una vittoria automatica ma così non è. Secondo la legge che regola le elezioni nei comuni, per confermare l’unico candidato (ed evitare l’arrivo del commissario prefettizio) sarà necessario raggiungere un’affluenza ai seggi del 40% degli elettori.
CERCASI CONFERMA E’ proprio questa infatti la questione che Ghiselli affronta per prima: « Abbiamo lavorato duramente e vogliamo che queste elezioni siano una conferma del lavoro fatto. Sia io che tutti i miei assessori abbiamo sempre rinunciato, in questi cinque anni, alla totalità dello stipendio, destinando questi soldi ai servizi primari dei cittadini. E’ importante dire quindi che, in caso di mancato raggiungimento del quorum (con conseguente arrivo del commissario) questi soldi (e tutti i servizi che coprono) verrebbero meno».
LAVORI PER 5 MILIONI Il dato senza dubbio più importante è che, in questi cinque anni di amministrazione Ghiselli, il comune di Sartirana ha svolto lavori pubblici per 6 milioni di euro (di cui 5.7 ottenuti da fondi Pnrr o da bandi di vario tipo). «Ciò che rivendico con più orgoglio – spiega Ghiselli – in un comune che aveva un oggettivo problema di spopolamento, è il dato da cui si evince che, dal 2022 ad oggi, il nostro lavoro è riuscito a mettere un freno alla caduta libera del numero degli abitanti e alla conseguente diminuzione dei servizi».
ANCHE L’ASILO «Questo freno – aggiunge – è stato messo anche e soprattutto grazie al contributo che annualmente il comune dà all’unico asilo presente (che è di proprietà di una fondazione) e alla vittoria di un bando che permetterà l’apertura di un nido che riuscirà ad attirare anche bambini dai paesi vicini, proponendo Sartirana come una opzione per chi lavora nelle città vicine e volesse trasferirsi in un ambiente più sereno». Anche Sartirana, come moltissimi paesi della Lomellina, ha dovuto, dopo il fallimento del Clir, ripensare completamente la gestione della raccolta differenziata. «Come sindaco – precisa Ghiselli – io ero dentro al controllo analogo e abbiamo deciso, prima del fallimento, di uscire dal consorzio. Una volta usciti abbiamo affidato la gestione alla ditta “San Galli”. Credo che sia utile continuare con il servizio cassonetti (come stiamo già facendo, ad eccezione del verde che viene ritirato tramite “porta a porta”) che ritengo molto più efficiente per le realtà piccole come la nostra.»
RIPULIRE L’EX AURORA Il grande progetto sulla bocca di tutti, che il sindaco uscente affida alle elezioni, promettendo che sarà il primo che verrà portato a termine, è relativo all’ex fabbrica “Aurora”. «Una volta rieletto darò un segnale molto forte – annuncia – l’inizio dei lavori che permetteranno la rimozione di tutti i rifiuti presenti nell’area abbandonata. Il posto, poi, ci piacerebbe venisse utilizzato come deposito per gli scuolabus e soprattutto come sede per la protezione civile, che potrebbe adibire il posto anche a parcheggio per i mezzi».

Edoardo Casati

Le ultime

Viaggio in parrocchia / Garlasco, la chiesa dedicata alla Beata Vergine Assunta e a Dan Francesco

La chiesa parrocchiale di Garlasco, dedicata alla Beata Vergine...

Mede, festa di leva con rissa

Il maltempo dà tregua ma "piovono" sberle. É successo...

La sfida: l’esame orale di maturità anche per le prof

Sono 526.317mila gli studenti pronti a diventare finalmente “maturi”....

L’impegnativo ruolo degli animatori, tra servizio e responsabilità

Hanno il compito di vigilare sui ragazzi, di seguirli...

Login

spot_img