12.3 C
Vigevano
sabato, Giugno 25, 2022
More

    Speciale referendum 12 giugno

    spot_img
    HomeCultura e tempo liberoLe Stellerranti tornano a San Dionigi

    Le Stellerranti tornano a San Dionigi

    Domenica 12 giugno Auditorium San Dionigi di Vigevano, alle 17.30 e con replica alle 21, si terrà il quinto appuntamento della rassegna “Boeziani incalliti” a cura dell’associazione Bottega dei suoni in collaborazione con la Fondazione di Piacenza e Vigevano. Il duo Stellerranti, Cinzia Bauci voce e Pier Gallesi a piano e fisarmonica proporrà Anima Mundi, eclettico itinerario musicale che parte dai trovatori medioevali e si spinge sino ai tempi nostri, passando per l’opera, l’operetta e il musical. La musica non conosce confini, da sempre è in diretto contatto con l’anima profonda del mondo e con l’aspirazione degli uomini all’amore, alla libertà e alla bellezza. Generi, epoche, lingue, ritmi e melodie si mescolano in questo recital in bilico tra teatro e concerto, passato e futuro. Le Stellerranti sono affermati protagonisti della scena nazionale e internazionale con la loro inconfondibile cifra stilistica tra musica e teatro, tra colto e popolare. Il programma prevede il via con Ay Flores, una delle più note “Cantigas de amor” in galiziano-portoghese, genere letterario musicale che si sviluppa tra il dodicesimo e il quattordicesimo secolo, e Tace il labbro, da “La vedova allegra” di Franz Lehar, un classico dell’operetta e e dell’amore romantico. Dopo l’amore, si toccherà il tema della libertà con Ninì Tirabusciò, cavallo di battaglia delle sciantose napoletane di Salvatore Gambardella, composta nel 1911, Ich bin die fesche Lola di Friedrich Holländer, must del cabaret tedesco, reso celebre da Marlene Dietrich. Si proseguirò poi con Moritat da “L’opera da tre soldi” della prolifica coppia B. Brecht e K. Weill, Ma mi’, una delle più famose “Canzoni della Mala”, geniale invenzione di Giorgio Strehler, Fiorenzo Carpi e Dario Fo, Libertango, del grande Piazzolla, e Youkali, anelito utopico di un esule Kurt Weill in partenza per l’America. E poi i bambini, anima del mondo: il capretto in dialetto ebraico piemontese, rituale della Pasqua, dedicato ai più piccoli; e musiche da Mary Poppins, Cats e Maramao delle sorelle Lescano.Chiusura in bellezza con l’ amore a tempo di habanera, protagonista dell’aria una donna irriducibile, appassionata e libera.

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,741FansLike

    Pubblicità

    Per info sulla pubblicità:
    Email - araldo@diocesivigevano.it
    Telefono 3286736764