Travacò e San Martino, una strada per due Comuni

Manca ancora la conferenza dei servizi ma comunque le nuove amministrazioni di Travacò e San Martino Siccomario intendono proseguire con la realizzazione della strada di collegamento tra i due comuni. «Nei prossimi giorni provvederemo a nominare il responsabile dell’ufficio tecnico che preparerà i documenti necessari – fa sapere Oscar Ragni, neosindaco di Travacò Siccomario – inoltre abbiamo chiesto al Rup di San Martino e ai progettisti di depositare il progetto di fattibilità nei nostri uffici.

Al contempo verrà indetta la conferenza dei servizi per l’approvazione della variante al Pgt e si partirà con la procedura di esclusione dalla Via (Valutazione d’impatto ambientale), ad ogni modo Regione Lombardia aveva dato tempo fino al 30 settembre per la firma dell’accordo quadro.

A SETTEMBRE L’obiettivo è quindi quello di avere entro settembre tutto l’iter pronto per la realizzazione della nuova opera infrastrutturale. «Per quanto possibile stiamo cercando di accelerare con i tempi – prosegue Ragni per costruire un’opera di collegamento di grande importanza per il nostro Comune e per il territorio limitrofo – ci stiamo tenendo in contatto con gli altri enti coinvolti, Provincia, Regione e Comune di San Martino Siccomario. Dobbiamo continuare a procedere e andare avanti, seguendo tutti gli step necessari per costruire la strada». Una nuova strada che agevolerà e ridurrà il traffico veicolare tra Travacò e San Martino Siccomario.

SPESA I due Comuni coinvolti hanno investito in tutto una somma di 820mila euro, la Provincia 150mila, mentre da Regione Lombardia l’impegno più grande, di due milioni di euro, attraverso il bando Arest: un programma studiato e pensato per incentivare e sviluppare la competitività di imprese e territori. In tutto l’opera richiederà una spesa che si aggira sui tre milioni di euro. Una volta che la nuova strada sarà pronta, i residenti di Travacò non si vedranno più costretti a passare dalla frazione Rotta per raggiungere la propria abitazione. Stesso discorso per i mezzi che raggiungeranno le proprie aziende. Dall’area del Parco della Castellana, situata in prossimità della nuova residenza per anziani a San Martino Siccomario, la strada arriverà fino alla zona industriale di Travacò, all’altezza di via del Tovo. Una strada pensata per migliorare la viabilità tra i due Comuni e non solo. Si alleggerirà infatti anche il traffico che scorre su via Gravellona e che procede verso le tangenziali, verso l’autostrada e verso i collegamenti con Oltrepò e territorio lomellino. Tanti i vantaggi, tante le opportunità. «Ci siamo incontrati con la Provincia per riattivare e riprendere in mano le azioni necessarie a portare avanti il progetto sottolinea Andrea Viola, nuovo sindaco di San Martino Siccomario – bisogna continuare a dare seguito alle azioni necessarie per arrivare alla firma con Regione Lombardia. Procederemo per arrivare alla realizzazione di un’opera che era presente anche nel nostro programma elettorale e porterà benefici anche ai nostri cittadini».

Edoardo Varese

Le ultime

Dichiarato fallito il calzaturificio Moreschi

Moreschi è fallita. La storica azienda, che per più...

Infermieristica, iscrizioni ok a Vigevano

L’Ospedale civile di Vigevano può continuare a contare sulla...

Dipendenze / I servizi: quanti sono e come operano in Italia

A chi può rivolgersi chi si trova a sperimentare...

Oscar green ad un giovane risicoltore

Una tecnica antica rivisitata in chiave moderna, con un...

Login

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui