12.3 C
Vigevano
lunedì, Ottobre 26, 2020
More
    Home Cultura e tempo libero Ministagione al teatro Cagnoni

    Ministagione al teatro Cagnoni

    Una pre-stagione attenta alla sicurezza. È la rassegna autunnale del teatro Cagnoni di Vigevano, che inizierà sabato 10 ottobre alle 21 con un galà lirico presentato da Sara Brasca e dedicato a Mozart, Rossini, Puccini, Saint-Saens e Giordano. In scena il soprano Daria Masiero, il mezzosoprano Manuela Custer, il tenore Giuseppe Varano e il baritono Christian Senn con l’orchestra “Città di Vigevano” diretta da Andrea Raffanini.
    «La lirica non poteva mancare – spiega il direttore artistico Fiorenzo Grassi – anche senza una messinscena tipica dello spettacolo operistico, per motivi di sicurezza. Le associazioni di categoria si stanno battendo per cambiare le regole sul distanziamento come già accaduto per il balletto». Una sicurezza che si realizza anche con l’eliminazione di alcuni sedili dalle file, operazione che non sarà facile data la delicatezza del pavimento. «La gente ha voglia di tornare a teatro – continua Grassi – ma deve farlo rispettando tutte le disposizioni. Saranno proposte soluzioni che garantiscono un metro di distanza tra ogni spettatore. La platea verrà riservata ai singoli spettatori, mentre i palchi verranno utilizzati per nuclei familiari e congiunti. La capienza della sala verrà quindi ridotta a un massimo di 220 persone, che dovranno indossare la mascherina protettiva. I media ci hanno attaccato dicendo che i teatri e i cinema non sono posti sicuri, ma non è così. ».

    Un momento della conferenza stampa di presentazione

    Il secondo appuntamento è per giovedì 22 ottobre con un testo della grande Franca Valeri, appena scomparsa, “La vedova Socrate”, interpretato da Lella Costa: una Santippe che racconta la quotidianità della vita insieme al grande filosofo, con slanci di ironia.
    Mercoledì 25 novembre “Supermarket: a modern musical tragedy” di Gipo Gurrado: uno spaccato di vita attuale, in cui ogni spettatore potrà riconoscersi nell’atto quotidiano (e a tratti eroico) di fare la spesa. Spazio all’impegno sociale, giovedì 1 dicembre, con “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello, che il regista Mimmo Sorrentino metterà in scena con quattro detenute del carcere di Vigevano. Un dramma espressionista che segna il luogo di confine tra il verismo e la produzione più concettuale di Pirandello. Un confronto con le regole, le diseguaglianze sociali, e la condizione femminile: un testo, nonostante sia stato scritto oltre un secolo fa, di profonda attualità.
    A concludere la prima parte della rassegna, martedì 15 dicembre, “Le nuits barbares” di Hervé Koubi, che mette in scena le radici religiose della danza attraverso musiche della tradizione algerina e di Mozart, Faurè, Wagner. Il coreografo franco-algerino riscrive una storia millenaria portando sul palco la paura ancestrale dello straniero, per rivelare la raffinatezza delle culture “barbare”.
    A cura di Silvio Petitto la rassegna dei comici che prevede in primavera anche Katia Follesa e Angelo Pisani, e il 16 ottobre un incontro gratuito col cantautore Davide Van De Sfroos nel 25° di pubblicazione dell’album “Manicomi”. La conferenza stampa di presentazione della stagione ha rappresentato la prima uscita pubblica del sindaco Andrea Ceffa, che ha voluto portare il suo saluto nel ridotto del Cagnoni: «La città ha bisogno del teatro, non possiamo tenerlo fermo. Speriamo che questa stagione sia di buon auspicio per la nomina di Vigevano a capitale della cultura. E ringraziamo la Fondazione Piacenza e Vigevano per il sostegno economico». Così la dirigente Laura Genzini: «Ridurre i posti non sarà bello nemmeno per chi va in scena, gli artisti sono desiderosi di vedere il teatro pieno. L’appello al pubblico è quello di venire a teatro con fiducia. È un esperimento, speriamo che funzioni».

    Davide Zardo

    POPOLARI

    Addio ad Aldo Pollini

    Si è spento nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 marzo, dopo qualche giorno di ricovero in ospedale, Aldo Pollini, di anni 82...

    Ripartenza al rallentatore: le testimonianze

    La gente esce poco. Ha paura ed è confusa. E questo stato d’animo si proietta anche sul comportamento dei consumatori, tutti i consumatori, di...

    I canali ufficiali

    1,417FansLike
    81FollowersFollow
    - Advertisement -

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it