Cresimandi, continuano gli incontri

Continuano gli incontri dei cresimandi: domenica 14 aprile i ragazzi che riceveranno la cresima nel vicariato di Mortara e Cassolnovo vivranno, con la presenza del vescovo di Vigevano, monsignor Maurizio Gervasoni, il convegno in preparazione al Sacramento della Cresima. La proposta dei convegni cresimandi vicariali è stata elaborata in sinergia con Ufficio di pastorale giovanile e vocazionale, Ufficio famiglia e Ufficio catechistico, mentre l’evento del vicariato di Mortara si terrà nell’oratorio e nella chiesa di Cassolnovo ed è stato organizzato dai catechisti del vicariato.

LA TESTIMONIANZA Anche in questa occasione il tema che accompagnerà l’incontro vicariale dei cresimandi sarà la testimonianza: la metafora sportiva della classica gara di staffetta con passaggio di testimone, disciplina tipica dell’atletica leggera, è l’immagine più eloquente per definire il “passaggio di testimone” della fede che la Chiesa consegna ai ragazzi in occasione della Cresima, inteso come sacramento che abilita a una fede adulta e testimoniale. L’annuncio della Buona Notizia, la fede in Gesù, la bellezza del vivere nella sua amicizia vengono annunciati e trasmessi al cresimando da persone che già l’hanno vissuta e sperimentata, a lui viene chiesto di ricevere “il testimone” e, con la forza dello Spirito Santo, passarlo agli altri.

LA PROPOSTA I cresimandi delle comunità parrocchiali del vicariato coinvolte (Mortara, Cassolnovo, Cilavegna, Parona, Ottobiano e Zeme) sono invitati a un lavoro preparatorio, nel quale devono elaborare un cartellone o uno striscione in cui sia rappresentato “il testimone che hanno ricevuto”, cioè i modi, le persone, le situazioni che li hanno aiutati conoscere e incontrare Gesù. Il giorno del Convegno invece, dopo la messa che sarà celebrata dal Vescovo nella chiesa di san Bartolomeo in Cassolnovo, i cresimandi dovranno invece esprimere e rappresentare in una parte dello stesso cartellone (o in un altro) “il testimone da passare”, cioè come possono nella loro vita trasmettere ad altri l’amicizia con Gesù, si tratta di farli riflettere su come nella loro quotidianità possono portare ad altri il messaggio e la vita di Gesù. Dopo la messa e i lavori di gruppo, i cresimandi vivranno un momento insieme con il pranzo nel cortile parrocchiale e un momento di gioco libero in oratorio. Sono tanti i cresimandi previsti al convegno cresimandi vicariale di domenica, circa 130: una bella occasione di crescita e di condivisione del cammino in preparazione della Cresima, per i ragazzi, le famiglie e le comunità coinvolte, nonché un significativo segno di vitalità della medesima.

don Paolo Butta

Le ultime

Lettera speciale all’Unione europea

«Cara Unione europea, sei una eppure abbracci 27 Paesi,...

“Sacramentine”, fuori dal mondo al servizio del mondo

C’è un cuore che batte tra le vie rumorose...

La vigevanese Sarah Toscano trionfa ad Amici 23

E’ la vigevanese Sarah Toscano la vincitrice della ventitreesima...

L’importanza di lavarsi le mani per fermare i germi

Fermare la diffusione dei germi è possibile semplicemente lavandosi...

Login

spot_img