Cassolnovo, restyling del mercato cittadino

I posti al mercato si sono dimezzati ed è necessario ridisegnare gli spazi. L’amministrazione comunale ha dato mandato a uno studio di rivedere la struttura del mercato di piazza Campari. Negli ultimi anni si è passati da 38 stalli (più 4 riservati agli spuntisti) a 17 ( 2 o 3 per gli spuntisti). «Si tratta -dice l’assessore al commercio Claudia Ramella – di un problema che c’è da diversi anni e che abbiamo deciso di affrontare. La riduzione è un processo in atto da tempo e del quale si è preso atto». Ma a questo punto la piazza, che continuerà a essere la sede, dovrà essere cambiata nella propria fisionomia. L’occasione è anche quella di adeguare il mercato alle nuove normative a livello nazionale che nel frattempo sono subentrate.

GLI INTERVENTI «Diversi comuni hanno già messo mano al mercato per adeguarlo alla legge – continua Ramella – Bisognerà mettere mano all’intera area a partire dai bagni, che abbiamo in programma di rifare, fino alle varie disposizioni sulla sicurezza. Il nostro Suap con il comandante della polizia locale e con lo studio esterno al quale abbiamo commissionato l’incarico si sono messi al lavoro». Non cambia nemmeno il posizionamento del mercato nei giorni in cui piazza Campari è occupata ad esempio dalle giostre alla festa del paese o da qualche manifestazione. Come è sempre stato l’alternativa sarà via Lavatelli, la strada centrale del paese.

LE TEMPISTICHE «Era un intervento – continua Ramella -che andava fatto da tempo e ora abbiamo deciso di metterci mano». Nella redazione del nuovo piano saranno, naturalmente, coinvolti anche gli ambulanti e le associazioni di categoria del commercio che normalmente si occupano di questi temi. Al momento non si conoscono ancora quali saranno le tempistiche per la pubblicazione del nuovo piano e quali saranno i cambiamenti decisi. «Sarà un lavoro – conclude Ramella – che richiederà tempo e uno studio accurato per andare incontro alle esigenze degli ambulanti».

Andrea Ballone

Le ultime

Le anime di Forza Italia e il divorzio lomellino

Un tempo si diceva: “Moriremo tutti democristiani”, ma in...

Europee / La cultura è indice di vivibilità e qualità della vita dei territori

La cultura non è solo quadri, letteratura, teatro, cinema,...

26 maggio, Domenica di Santissima Trinità

Nella domenica dopo Pentecoste la Chiesa ci fa ancora...

Vigevano, nuova casa di riposo in arrivo in zona Santa Maria

Il nuovo De Rodolfi? Potrebbe sorgere in zona Santa...

Login

spot_img
araldo
araldo
L'Araldo Lomellino da 120 anni racconta la Diocesi di Vigevano e la Lomellina, attraversando la storia di questo territorio al fianco delle persone che lo vivono.