12.3 C
Vigevano
sabato, Aprile 17, 2021
More
    HomeSportAips sport media adwars, uno spot mondiale per Vigevano

    Aips sport media adwars, uno spot mondiale per Vigevano

    E’ stata una di quelle serate che si ricorderanno a lungo. Il Castello di Vigevano è diventato lunedì 22 marzo dalle 19.30 il palcoscenico per la cerimonia digitale degli AIPS Sport Media Awards 2020. Si è trattato di un serata di gala completamente diversa, visti i limiti imposti dal Covid ma che è riuscita, in tempo di Covid, a portare a tutti coloro che si sono collegati, un messaggio rivoluzionario: anche in momenti molto difficili come quelli che stiamo vivendo, la rinascita è possibile. Lo spettacolo è stato emozionante, raffinato, fantastico. E’ stato il sindaco della città ducale, Andrea Ceffa, ad aprire la cerimonia in un video assieme al presidente di AIPS, Gianni Merlo. La camminata del primo cittadino, che ha saluto gli spettatori con un messaggio di benvenuto in streaming, tutto in inglese, proprio per sottolineare l’unicità della location; a seguire, a Ceffa si è affiancato il presidente Aips Gianni Merlo

    I due sono saliti dallo scalone ed entrati in Castello per arrivare nella Prima Scuderia, lì si è svolta la cerimonia di premiazione. «Dicono che anche Leonardo da Vinci sia venuto qui per trovare ispirazione e spero che anche noi potremo ispirare molte persone da qui perché anche questa è una sorta di rinascita per noi», ha detto Gianni Merlo. La Prima Scuderia come non si era mai vista: un vero incanto. La volta illuminata di tonalità rosse o azzurre e la lunga navata chiusa da tre schermi led trasparenti che hanno permesso la proiezione delle schermate e dei filmati relativi ai premi, tutto questo però è stato realizzato lasciando visibile sullo sfondo l’architettura della struttura. Insomma, uno spettacolo nello spettacolo. Prima dell’inizio della cerimonia vera e propria, Merlo ha consegnato a Ceffa uno speciale riconoscimento di Aips.

    Successivamente è iniziata la carrellata dei premi, condotta da Merlo e dalla giornalista di Sky24 Valentina Clemente, con i vincitori annunciati dai vari dirigenti dell’associazione, collegati da ogni angolo del pianeta. Prima delle premiazioni, le parole di Merlo «C’è una luce alla fine del tunnel, proprio come la vediamo qui, in questo magnifico Castello dove ci troviamo oggi. Ma dobbiamo batterci contro la corruzione, contro il nostro stesso Coronavirus che sono le fake news, le partite truccate e difendere l’accesso agli eventi sportivi. Con questo messaggio di speranza, ricordiamo che dopo il Covid, dobbiamo tornare al nostro mondo normale che deve essere migliore di quello passato». Tre le nomination per ognuna delle nove categorie di premi: dalle foto ai video, agli articoli, a loro l’aggiunta di riconoscimenti speciali legati all’anno di Covid e al giornalista sportivo più anziano del mondo: Chelo De Castro, 101 anni, è colombiano e vive a Barranquilla. Dario Ricci, giornalista di Radio 24 è stato il solo italiano tra i finalisti, giunto secondo nella categoria audio grazie a una ricostruzione di Italia-Germania 4-3 dei Mondiali 1970. La cerimonia è durata un’ora, volata via velocemente, come accade quando si assiste ad eventi costruiti con maestria. In chiusura, Merlo ha dato appuntamento al prossimo anno, con la speranza di un gala in presenza. Quello sarà il segno che la pandemia è stata sconfitta.

    Isabella Giardini

    POPOLARI

    I canali ufficiali

    1,492FansLike
    79FollowersFollow
    - Advertisement -spot_img

    Pubblicità

    Scrivici per informazioni sulle inserzioni, puoi promuovere la tua attività sul sito o sull'edizione cartacea: araldo@edizioniclematis.it